martedì 13 novembre 2007

Berlin (Alexander Platz), 13. November 2007

Berlin (Alexander Platz), 13. November 2007

Non posso che confermare la mia teoria: uscire di casa mi mette di malumore, sono rientrata “di corsa” per pranzo, ossia verso le due, incazzata nera, o meglio, scocciatissima; e naturalmente il mio pensiero costante è che ho sprecato la mia mattina, speso troppo, concluso poco (mi sono pure dimenticata di stampare la prenotazione dell'ostello per giovedì, vabbe’ mi segno il numero), che potevo stare a casa a fare esercizi e che non vedo l'ora di iniziare di nuovo il corso, almeno imparo qualcosa e nessuno mi prende per scema, perché poi finisco per dire “sì, sì” anche quando ho solo intuito quello che mi hanno detto: infatti è probabile che io abbia capito benissimo, ma solo per intuito, non perché ogni singola parola mi era chiara e conosciuta, ma il fatto di aver tirato a indovinare mi fa fare facce strane per cui quando dico che ho capito, in pochi mi credono.. mi sento scema! E sono indietro col programma (di tedesco): lo so che tre settimane di corso non prevedono miglioramenti visibili, i mie progressi sono nella norma, non potevo pretendere di più, ma quando decido di essere negativa, non c'è logica che tenga!

Ricapitolando:
1 - ho sprecato la mia mattina, speso troppo, concluso poco
2 - ho speso troppo
3 - ho mangiato male e speso troppo rispetto alla colazione in ostello
4 - ho concluso poco
5 - facevo bene a starmene a casa, anzi facevo bene a continuare il corso di tedesco, crepi l'avarizia, che così è peggio.
Tu dirai (me lo dico da sola):
1 - non ho sprecato la mattina perché ero uscita per farmi il numero tedesco, e l'ho fatto, e non ho nemmeno speso i 25 euro previsti (da me, perché in realtà tutti mi hanno detto 19 euro, ma io arrotondo per sicurezza), ma solamente 5, anche se ho solo 1 euro di traffico, ma è meglio che spenderne 19, con dieci euro di traffico, perché significa che ne ho speso 4 in più per l'attivazione; e poi volevo vedere se giovedì posso andare a piedi al nuovo ostello dalla scorciatoia che ho ipotizzato e che più o meno costeggia la ferrovia, e posso farlo (ma dimmi tu che fobia mi è preso del biglietto del treno);
2 - ho speso il giusto, ossia 4,20 per il biglietto, solo 5 euro (e vorrei sottolineare “solo”, ma vabbe’ lo scrivo in corsivo) per il nuovo numero, ma ciò che mi ha messo di malumore, lo so, è il fatto che non me la volevano fare perché non ho un indirizzo qui, ma dico: se sono appena arrivata e devo cercare casa, posso chiamare con un numero tedesco o devo chiamare “dall'Italia” anche se io sono in Germania? Mi ha demoralizzato.. siamo in Europa, ma ho pur sempre cambiato Stato e risulto illegale o simili.. fra tre mesi (fra due, ormai) devo andare a registrarmi e non ho nemmeno un indirizzo; Francesca dice che il calcolo riparte da zero se vado via anche solo per due giorni dalla Germania (risulta dai biglietti aerei, suppongo) e poi torno, ma.. dove vado senza soldi? Sono libera di stare qui solo tre mesi, poi devo far sapere che ci sono, non devo chiedere un permesso, solo farmi registrare, così sanno che sono qui, ma devo registrare il mio domicilio qui, ossia un indirizzo.. quello del Media Markt quando ho detto la parola “Hostel” ha fatto una faccia.. ma vabbe’ forse voleva fare il fighetto dell'ufficio immigrazione, ma poi si è vista la sua professionalità, è passato un collega e gli ha detto “dimmi una via” e l'ha messa a caso, se me l'avesse chiesto avrei dato quella del vecchio ostello, che tanto lì eravamo in famiglia! Poi ci ho pensato.. potevo dare l'indirizzo di zio.. che cretina, adesso lo cambio, se me lo fa fare dal sito; comunque posso inviare sms dal web, ma solo agli altri numeri o2 naturalmente, ma ben 50 al mese!, e pago 19 cent al minuto e 19 cent per sms, anche verso l'Italia, mentre per le chiamate verso l'Italia mi pare di aver capito che spendo meno se telefono ai fissi (ma davvero?) e comunque ho sempre la Vodafone italiana da sfruttare, se proprio non ne caviamo piede.
3 - mangiato male.. questo è vero: due croissant costosi (1 euro e 1,39 contro i 59 cent normali alla mia nuova Bäckerei di fiducia, che per due fa 1,18), anche se buonissimi, ma che non mi hanno saziato come avrei voluto, continuavo ad avere fame, invece se avessi fatto colazione in ostello avrei avuto fame come minimo alle due; sono entrata da Lidl per la spesa e lì ho preso qualcosa da mangiare in treno, una scusa bell'e buona perché col treno in cinque minuti ero a casa! Ho preso biscottini al burro e cioccolato, ottimi, tre in treno, sei a merenda mentre leggevo il mio nuovo libro: Betty und ihre Schwester, ossia Piccole Donne, qui in Germania a quanto pare la protagonista è solo Bett (Betty), che poi muore.. vabbe’, sarà per questo, in effetti lei c'è sempre sullo sfondo (a volte mi sembra di avere i capogiri..). Un po’ l'incazzo mi è passato leggendo, perché questo libro per me è come Dirty Dancing, lo conosco a memoria, ma non me lo ricordo, e comunque è un libro per bambine e sopratutto scritto nell'Ottocento, sicuramente anche in tedesco è un linguaggio un po’ passato, ma mi ha messo di buonumore perché ho capito il senso, e poi non ho perso tempo a cercare parole nel vocabolario, ho letto e basta; il primo capitolo soltanto, perché poi me lo rileggo domani e faccio qualche esercizio sulla costruzione della frase e sulle parole e i verbi nuovi; mi piace perché ci sono i verbi al passato (andò, vide, disse, pensò) e quindi imparo le forme irregolari, e poi.. vabbe’ ho letto anche quasi tutto il secondo capitolo, poi mi bruciavano gli occhi e ho smesso, ma se mi prende vuol dire che lo capisco: mi ha fatto stare meglio, perché ho provato la familiare sensazione di suspense di quando leggo: cosa succede adesso? (perché non mi ricordo bene cosa succede), ed è anche come tornare bambina, al mio primo libro, perché è come se lo leggessi la prima volta (in tedesco, sì), che ridere! Ottimo acquisto, questo. (Naturalmente tu non condividi la soddisfazione per la lettura di un libro, lo so). Insomma ho pensato che se non lo prendo come un compito con esercizi, posso tornare al mio amore per la lettura, e imparare un po’ meglio il tedesco, almeno nella comprensione scritta (una delle “quattro abilità secondo il Quadro di Riferimento Europeo per le Lingue”: questa frase leggila come una cantilena, perché è una frase che si impara a memoria, nel “mio ambito”).
4 – ho concluso poco?! E cosa dovevo concludere? Vabbe’ ho dimenticato di stampare la prenotazione dell'ostello, ma se mi hanno pure scritto una mail, risulterò da qualche parte, no? Che rompi scatole che sono! Certo che se esco di casa alle dieci, o forse anche più tardi, non posso pretendere di finire per le undici, perché a quell'ora ero appena arrivata ad Alexa, il centro commerciale (stupendo, dai pavimenti sembra un grand hotel, te lo devo far vedere, ricordamelo), e poi se passo un'ora nella libreria a tre piani, non devo lamentarmi; lascia stare che mi son sentita una scema a partire da quando ho tentato inutilmente di prelevare (non prendeva la mia carta, e piuttosto che farmela mangiare.. ma poi ho provato con un altro sportello), fino a quando ho scoperto di abitare in Allee der Kosmonauten. A proposito, allora: per l'abbonamento, e quindi per avere il telefono a 1 euro, devo avere un conto corrente.. ma non ho nemmeno un indirizzo! La collega gli ha detto “ma dai è una prepagata!”, e poi mentre scriveva i dati è passato un altro collega e gli ha detto “dimmi una via” .. io facevo finta di non capire, anche perché è l'unica cosa che ho capito di tutto quello che mi hanno detto; poi vabbe’ ridevano fra loro e parlavano di altre cose, che se avessi capito l'argomento sarei intervenuta, giusto per fargli notare che esisto anch'io e che ero lì presente, tra l'altro. Alla ragazza con cui ho parlato per prima (e che mi ha portato dal tipo finto-fiscale) avrei voluto chiedere.. non di parlare lentamente, ma di togliersi almeno la caramella dalla bocca, però lei è stata carina, mi ha consigliato o2 che è la più conveniente anche se lei è l'addetta a T Mobile, perciò mi ha “passata” al collega. Vabbe’ siccome siamo in Germania, nella confezione della nuova scheda c'è il modulo in cui inserire i dati del nuovo utente, ad esempio se lo devi regalare o vendere. Per ricaricare: posso farlo anche dagli sportelli automatici o nei negozi o2. Ah, poi a proposito del prelevamento: oggi ti ho pensato, ti ricordi quando mi hai detto che per prelevare dalla banca nel bancomat ci sono tutte le lingue? SBAGLIATO! Solo inglese francese e tedesco, beh così imparo il tedesco.
Ho inviato una mail alla Prof di tedesco per il tandem con la Humboldt di Berlino, o meglio con gli studenti di italiano della Humboldt (spero non mi mettano con Robert, te lo immagini?), e mi ha risposto che posso partecipare ma devo rivolgermi alla lettrice (l'insegnante di lingua, lei invece fa il corso di Lingua e traduzione), e che faccio bene a rimanere a Berlino finché posso e se ho bisogno mi manda le dispense in allegato (ma il corso è al terzo trimestre) e posso anche scriverle, ma che è meglio se trovo qualcuno che segue il corso e mi dice com'è l'esame (ma nessuno fa tedesco di quelli che conosco io).
Il Rasato ha riordinato! Lui è quello del pavimento-armadio e oggi ha riordinato, ossia ha buttato tutti i vestiti in una busta della pattumiera (qui sono gialle, prevalentemente) e si è scusato per il va e vieni, ma doveva riordinare il casino. Che ridere.
Mi ha chiamato mamma.
Che mal di pancia!!!!!!!!!!! A letto presto anche oggi (h 20.30, più o meno).
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...