lunedì 6 giugno 2011

Me stessa.

Un paese nel nord Europa
o il Canada
i miei libri, le mie foto, i miei scritti
a cosa serve una macchina da cucire?
a cosa serve un computer?
un lago, l'autunno, la neve, la primavera, le mie foto
carta e penna, un francobollo.
Tutto quello che so fare.

Fingere? Far finta di nulla? Continuare a "studiare", ad aprire i miei libri
leggere e scrivere
l'importante è il sorriso
scoprire cosa lo provoca
una piccola cosa, ripeterla non ripeterla.
Non ripeterla: stare attenta alla monotonia.
Innovarmi, rinnovarmi, riciclarmi
anche con un nuovo modo di usare le pagine: basta poco.
Basta farlo: tutto sta (sempre) nell'iniziare
spesso nel perseverare
talvolta nel rinunciare.

Sarà un'altra scelta importante, grossa.
Curiosità: ne pensano già tante di me, chissà stavolta cosa penseranno?
La scelta è fatta, ma ancora impalpabile, perché ancora non ho firmato.
La scelta è fatta, mi ribello a ciò che altri - mi sembra proprio così - hanno voluto.
Delusione, ecco con cosa mi circonderanno.
La scelta è fatta. Posso avere la vita che voglio. Devo solo disegnarla meglio.

Ci ero ricascata. Ero stordita.
Abbandono: Bologna o Berlino, non Siena o Cagliari.
Ogni volta qualcosa mi spaventa ed io torno. Non devo più tornare.
L'avrò capito? Devo. Senz'altro!
Devo.

Qui tutto ruota attorno alla proprietà, io non voglio. Non riesco nemmeno a vederlo, a sentirlo più, questo ruotare. Mi fa impazzire. Ma in silenzio. E il mio silenzio, ormai, lo notano tutti.

"Non puoi fare la vagabonda per sempre".
Come dimenticare queste fantastiche parole, che sul momento mi avevano infastidita, ma poi, in fondo, mi hanno aiutato a ricordare chi sono?
Io sono la vagabonda.
Io sono la donna con la valigia.
Per sempre? Finché mi va.

è stata l'atmosfera, lo so
non c'è altro, non c'è stato altro
ma questo basta, è bastato sempre
è l'essenziale, infatti quando non c'è l'atmosfera giusta, scappo
quando la trovo, voglio restare.

Che senso ha partire - rifletto ora - se tutto ciò che troverò sarà qualche sacrificio (alimentare) da fare, un nuovo mondo da costruire, nuove persone tra le quali selezionare quelle giuste? Tutte cose che mi fanno sentire viva - dico sempre - altrimenti che vita sarebbe; altrimenti mi annoierei.
Tutto ruota attorno alle persone, è inutile che me lo nasconda, è così - devo ammetterlo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...