domenica 31 luglio 2011

Senza titolo, che è meglio.


Siccome fare la casalinga è faticoso e, sebbene soddisfacente, poco gratificante, ho deciso di tenermi impegnata, sommergendomi di impegni a cui nessuno importa che li rispetti, ma che almeno mi tengono così tanto occupata da portami all'esaurimento nervoso in poco meno di una settimana. E come se non bastasse mi sono pure trovata un lavoro part-time, così da avere anche qualcuno che, in caso di ritardi o dimenticanze, potrà chiamarmi e urlarmi parolacce al telefono.
Lo scopo secondario di tutto ciò è quello di crearmi una rete di conoscenze che prima o poi riconoscerà il mio valore anche come casalinga, almeno perché gli faccio tenerezza. Furba, no?
Gli equilibri sono molto delicati, e le priorità, il filo logico, l'iter secondo convenienza, gli aggiornamenti, le visite di cortesia dovranno rimanere collegati da una rete invisibile che io, ragno lungimirante, dovrò saper tessere senza impazzire, ma dovranno anche essere costanti e sapientemente dosati, in modo che nulla si raffreddi prima d'aver preso forma.
Questa è la follia del nuovo millennio.
Intanto, se riuscissi ad affezionarmi ad un template fino a sentirlo mio, sarebbe già qualcosa. Offrirei stabilità ai miei lettori, oltre che a me stessa, e vi assicuro che almeno io ne ho bisogno, infatti non riesco a ri-affezionarmi al mio blog, per il fatto di non trovarmi in acque piacevoli con nessun template. Ora provo con questo e intanto: un applauso per me e per i miei progressi nel linguaggio html.

Per il resto, ci sono dei giorni in cui non dovrei passare così tanto tempo al pc, "fallo almeno per me", mi dice il pc surriscaldato ai massimi livelli. I miei occhi si astengono dal fare commenti.
Io invece vorrei commentare i tipi di blog che trovo in giro, alla ricerca di spunti e di letture. In realtà sono senza parole: è un mondo immenso e altro da quello reale. Un giorno farò un elenco puntato e numerato (nonché molto amatoriale) di ciò che ho visto, suddividendolo in tipi e sottotipi per la gioia di tutti.
Altra trovata magnifica, mia naturalmente: disseminare la mia mente di nick, indirizzi e password da ricordare. È con immenso piacere che annuncio la confusione totale. Penso però che questo nuovo template dai colori soft mi aiuterà a rilassarmi. E ad avere il tipo di blog che vorrei. E vincerò la tentazione di eliminare post che, col senno di poi, nemmeno io comprendo. Ora sarebbe il caso di farci tutti una risata ma sono così seria! Eheh.. no, non funziona.
Sicuramente avrò presto buone notizie (e su cosa?? bah), intanto proseguirò con la ricerca di blog piacevoli da leggere e possibilmente non truculenti, tetri, da suicidio, per citare una delle categorie di blog che ho trovato, soprattutto quando parto dagli utenti online dopo la mezzanotte. Effettivamente per i blog di cucina dovrei frugare in rete alle otto del mattino, ma a quell'ora di solito aggiorno il mio blog di cucina.. see vabbè.
Mi rendo conto che questo forse è il post più sconclusionato ma senz'altro anche il più spontaneo e, come un'ubriaca, non so perché questo mi fa ridere.
Eheh!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...