mercoledì 7 settembre 2011

Giorno 8.

17° - 20° ca. tutto il giorno.

Dagli zii.
- Com'era quella storia di S. che ci aveva provato anche con la moglie di C.?-
- Ah guarda, non lo so, io ho sentito un paio di campane e non voglio sapere nulla. -

- Ma come si fa a mandare delle persone così che non sanno nulla!? Devono struzionarli, prima.-
L'istruzione, invece, è successiva.

- Hanno aperto la bara dopo più di vent'anni, e lei era una bambola come nuova, sembrava viva che dormiva, questo angelo - perché altro nome non ci puoi dare. Non era imbalsamata come sappiamo noi.-

- Io anche io non sto bene: c'ho la milza rinfrescata. -
Eh, sì, d'estate fa caldo...

- Per strada è brutto, con questi cammi che sorpassano. -

- In Sardegna non c'è perspettiva di lavoro. -
No, quella no.

- Assumono gente che non è adetto a quel lavoro..-

- Questa sedia è la mia perché c'ha i braceri e posso poggiare le braccia.-

Insomma, nonostante la nausea e i vomiti, riesco ancora a sorridere. Ma non bruscamente, altrimenti rimetto di nuovo tutto, anche il senso dell'umorismo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...