lunedì 31 ottobre 2011

Che mondo sarebbe senza un bel PS?

Stamattina ero sveglia alle 8. Svegliarmi un'ora prima che la sveglia suoni e mi svegli mi mette sempre un po' di buonumore. Infatti il mio primo pensiero è sempre: ora mi alzo e faccio un sacco di cose. Il mio secondo pensiero è sempre: che bello posso dormire ancora un'ora. Il mio terzo pensiero è sempre: ora mi alzo e faccio un sacco di cose. Il mio quarto pensiero è sempre: che bello posso dormire ancora un'ora. Il mio quinto pensiero è sempre: ora mi alzo e fac... e a quel punto mi addormento di nuovo e faccio sogni stranissimi, perciò quando la sveglia mi sveglia il mio primo pensiero è: questo sogno non mi è piaciuto, avrei fatto meglio ad alzarmi.
Il fatto è che la mattina presto mi piace parlare con me stessa nella mia mente.

Oggi sono andata in palestra. Da quando ho ricominciato con la palestra, nei giorni in cui non ci vado, penso: che palle domani mattina ho la palestra, mi spezza la mattina. Subito dopo penso: ho fatto proprio bene a tornarci. Poi penso: che palle mi devo alzare presto*. Subito dopo penso: infatti è per questo che non vado alla lezione delle 19 e 35. Poi però penso: chissà cosa ci farà fare domani, spero non quei percorsi noiosi/quelle coreografie spaccacuore/la lezione a sorpresa che poi alla fine sono pesi ed elastici! Sbuffo a scelta per una delle tre cose, quella che il mio corpo ricorda in quel momento come la più terrificante, ma tre volte a settimana torno a casa contentissima di esserci andata. La cosa più bella infatti è la consapevolezza che, nonostante questi miei monologhi interiori, io andrò palestra, cascasse il mondo.
Oggi in palestra pochissime volte ho rallentato il ritmo: ad esempio ancora non riesco a fare la corsetta sullo step, sembra una cavolata ma mi  sfiata e sfianca da non crederci, io dopo la prima volta la faccio al passo; anche alcuni esercizi sulle ginocchia io li faccio lentamente; eppure ho resistito benissimo, anche come fiato: il mio cuore si sta abituando alle palpitazioni, presto sarò pronta per il mio primo innamoramento vero!!

Bene, ci siamo fatti tutti una risata, continuiamo.
Ieri, nonostante l'avventura col Brigante, ho incastrato benissimo le mansioni che avevo messo sulla lista, riuscendo addirittura a farmi la ceretta, che è una scelta utilissima per la palestra, perché io non riesco proprio a sudare nei pantaloni lunghi, ma quando l'istruttrice mi vede schiappa in difficoltà e decide di tenermi su lei la gamba e le sue dita si incastrano nei peli.. sarò anche di abitudini spartane, ma in fondo mi scoccia essere scimmia.

A pranzo avevo una fame! Ho mangiato carne e piselli, buonissimo, e avrò anche la cena simile. Dalla notte degli imbrogli, ceno ogni sera senza sgarro: non mi devo obbligare, infatti l'assurdità era proprio che "l'obbligo" me l'ero "imposto" a proposito del non mangiare. Metto tra virgolette perché non è proprio così, era infatti più una passività che mi faceva scegliere la cosa meno difficile da preparare, una cosa che comunque mi piace, e che non richiede nemmeno stoviglie a mucchi da lavare (voglio la lavastoviglie, l'ho detto e lo ripeto). Non mi imporrei mai di non mangiare, perché è una cosa che ricollego alle donne che vogliono diventare/rimanere magre, una cosa un po' malata – l'aspetto fisico non mi interessa, non è nemmeno il motivo per cui vado in palestra. Diciamo che io ho iniziato col caffellatte per cena in un giorno per caso in cui a pranzo m'ero abbuffata, e ci stava stare leggera, e ho finito per restarci attaccata. Di solito mi impongo di mangiare bene, questo sì, quando faccio troppe tappe al McDonald, ad esempio, o quando mangio le patatine o i popcorn, perché sono tutte cose che danno sensazione di sazietà o pesantezza, ma dopo due ore io ho di nuovo fame esattamente come se avessi pranzato con un'insalata o con cappuccino e cornetto. Tanto vale mangiare bene.
L'unico motivo per cui evito di mangiare troppo è che non mi piacciono le abbuffate, lo spreco, e la vita che ruota attorno al cibo e... aspetto di vedere cosa fa "giornalino" del mio articolo, poi ve lo posto e forse un po' capirete come la penso.

Oggi inizia una nuova settimana, per me niente ponte, tutto procederà come sempre, anche se domani mi sembrerà domenica perché ci saranno alcune caratteristiche della domenica, ad esempio: pochi Folletti per casa. Alcune cose che ho messo nella mia lista sono a lungo termine, perciò le devo portare avanti, anche se sorrido all'idea di essere a buon punto. Purtroppo altre slittano immancabilmente verso il fondo della lista, sia perché non sono urgenti (i famosi 8 copri-vaso, per i quali però ho trovato un'altra stoffa più carina –che aspetta- rimandati perché l'ultima volta che ho preso in mano una Matilde l'ho scoperta invasa dai moscerini assassini!), sia perché non sono ispirata (la lettura di un romanzo che mi hanno prestato la settimana scorsa, ma che ho iniziato solo ieri), sia perché non tutto si può fare quando si ha tempo, talvolta si deve aspettare il momento giusto, sperando che in quel momento si abbia tempo. E danaro.

Il tempo volge al peggio, finalmente, anche se dopo la catastrofe in Liguria ho un po' di paura del tanto amato inverno. Basta poco e cambia il mondo.
Il cambio di stagione è graduale, almeno per me che lo aspetto e lo voglio, mentre chi adora caldo e sole ha ormai iniziato con le imprecazioni.
Certo ci sono gli svantaggi anche per me: ho piedi e mani ghiacciati, e ho la copertina sempre a portata di mano per mettermela sulle gambe appena comincio a sospettare che quello che sento come la mia propaggine inferiore più estrema non siano i piedi, come dovrebbe, ma il bacino... Già, fuori ci sono ancora venti gradi a mezzogiorno (ma niente sole) eppure la mia camera-frigorifero non si smentisce. La sera anche altre stanze della casa sono fredde, ma ce la caviamo con la coperta sulle gambe, che fa tanto baita in montagna.
I vantaggi invece sono che finalmente respiro e connetto, mi sento più lucida e attiva. Non è solo un graduale (ma anche altalenante) impegno a tenermi impegnata che mi favorisce, ma è proprio una differenza di temperatura dell'aria e corporea che in me è più produttiva, e riflettevo sul fatto che forse è proprio per questo che io punto molto su settembre-ottobre per le mie cosiddette "svolte alla mia vita", mentre verso maggio penso con tristezza che sta arrivando l'estate e che quindi non sarò in grado di fare granché.

*tutto è relativo.


Un PS piacevole. Giorni fa ho notato di avere un cosiddetto follower, parola inglese che solo per questo andrebbe censurata, preferisco "lettori fissi", che rende l'idea senza essere fraintesa: a me "follower" fa pensare ai maniaci che perseguitano, e sì che non conosco l'inglese.

Settimane fa avevo però eliminato il gadget lettori, parola mezzo inglese e mezzo italiana, che si potrebbe sostituire con "box", no? ehehe scherzo. Avevo eliminato la zona della mia pagina principale in cui sono elencati i lettori fissi del blog, perché mi occupava spazio e tanto era vuota da mesi.
Giorni fa ho notato di avere una lettrice!, e ho pensato: non mi toccherà rimettere la zona lettori?!
Ma siccome sono una fan.. ehm.. una sostenitrice sia delle scadenze di tempo, sia del numero perfetto ho deciso: se arrivo a tre lettori fissi rimetto la zona lettori!
Ebbene: questo momento è arrivato!! Ringrazio pertanto ufficialmente per la fiducia, e do ufficialmente il benvenuto a S. (la prima), a Erika e a Chiaretta. Buona lettura,
Elle, lo Spirito nella Casa.

(che carina, non so se definirmi romantica, spiritata, o burocratico-ufficiale).

7 commenti:

  1. e che mi sono affezionata :))
    il tuo commento da me, con il fatto che ti definisci spirito, e oggi e' halloween o notte delle streghe, visto che detesti l' inglese, e' inquietante :)))

    RispondiElimina
  2. ehehehe tremate, le streghe son tornate ehehehe
    L'inglese lo detesto sempre meno: non è colpa sua poveretto se viene sopravvalutato dagli italiani (che lo pronunciano pure male), io però adoro l'italiano, e quando non è necessario usare un termine inglese non capisco PERCHÉ?? Lasciamo stare il caso di blogger che non ha tradotto nemmeno tutto il suo libretto di istruzioni!
    Tornando allo spirito.. non so.. ero ispirata.. io tra le righe ci ho visto un po' questo ;-) l'alternativa sarebbe che tu sia incoerente e non mi pare proprio!
    eheheh tremate, le streghe son tornate ehehehe

    RispondiElimina
  3. ma sono abbastanza ambivalente e dunque forse pure incoerente :))
    il mio amico Riccardo voleva commentare ma tu non dai la possibilità ai senza profilo (anonimo) ...dai togli il lucchetto, ti incasiniamo il blog ;))

    RispondiElimina
  4. Ciao Elle, grazie! :)
    ieri poi, visto il titolo del tuo topic, mi sembrava giusto iniziare con... "P.S." =D
    volevo dirti che mi sono divertito molto a leggere i tuoi testi, complimenti sinceri :)
    grazie ancora della fiducia ;)

    RispondiElimina
  5. Riccardo "tu": PS. grazie per i complimenti e prego per la fiducia, non sgarrare che ti meno eh! ;-)

    RispondiElimina
  6. Ehiiii ma grazieeee!!! Sono emozionata! SONO STATA NOMINATA ^_^ Dai che aumenteranno i lettori, tranquilla!!!

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...