giovedì 1 dicembre 2011

Cose che non sapevo e cose che ho scordato.

Qualche tempo fa ho ricevuto un’e-mail della Ryanair che mi informava dei dettagli del mio volo per Roma-Ciampino.
Quale volo? Io non avevo prenotato nessun volo.
Io no, ma la Donna-manager, indecisa su come festeggiare il suo trentesimo compleanno, sì:
-Ce ne andiamo alle terme a Sirmione.-
-Beh, certo, la tratta Ciampino-Sirmione è comodissima, perché no?-
Ho capito che la Donna-manager non credeva che io abbia impegni quotidiani inderogabili.

Successivamente la Donna-manager ha deciso di festeggiare il suo compleanno qui con i suoi amici di sempre, ha prenotato il suo volo e inviato messaggi a tutti gli amici per avvertirli che domenica 27 novembre si sarebbe fatto qualcosa assieme.
Io, che avevo appena discusso con lei su skipe i dettagli della sua permanenza, le ho risposto:
“Ciao Donna-manager, che piacere sentirti. Come stai? Purtroppo io non potrò esserci perché domenica 27 sarò a Roma per un altro compleanno. Sarà per un’altra volta. Ci sentiamo, e non sparire di nuovo eh!”
La sua risposta è stata: “cogliona”.
Non so se iniziate a capire chi è che mi mette in testa certe parole.

Successivamente la Donna-manager ha deciso che però io e lei dovevamo assolutamente festeggiare assieme, e precisamente fare qualcosa da lei, va bene forse non le terme a Sirmione che costano, ma una mini-vacanza, qualcosa.
-Almeno il fine settimana ti potrai spostare!-
-Ehm.. proprio il fine settimana no, sono i giorni più pieni..-
-Ma ti puoi organizzare, cerca qualcuno..-
-Ti assicuro che da qui scapperebbe anche Mary Poppins.-
-Va beh, io nel frattempo prenoto.-
-No.-
-Altrimenti poi costa troppo!-
-E se io non parto perdi i soldi.-
-Certo che parti!-
-Allora io il 27 posso andare a Roma? E tu vieni qui e mi sostituisci? Io il biglietto ce l’ho, tu pure…-

Successivamente la Donna-Manager ha deciso che sarebbe venuta qui per il suo compleanno, e che io sarei andata da lei il 3 dicembre per tre giorni:
-Così il 4 facciamo il corso a Milano, quello che volevi fare. Ho già prenotato.-
Questo me l’ha detto quando io le ho chiesto spiegazioni di un’altra mail della Ryanair che mi informava dei dettagli del mio volo per Milano-Bergamo.
-Quindi io il 3 dicembre sarei libera?-
-Ma dai, ma cosa devi fare?!-
-No niente, mi basterebbe disporre io del mio tempo.-

Successivamente mi sono emozionata tantissimo all’idea di andare a trovare la Donna-manager.

Successivamente ho sbuffato perché già sabato 3 aveva messo in programma di andare insieme a vedere un po’ di case perché stava ancora cercando (il tipo che pretendeva la “garanzia” Western Union non ha voluto sentire proposte di altri metodi che siano di garanzia per entrambi e più sicuri per entrambi, e non se n’è fatto nulla).
E poi questo corso a Milano quante ore dura? Io sarei in ferie.

Successivamente mi sono emozionata tantissimo all’idea di vedere Bergamo e di rivedere Milano e di allontanarmi da qui per tre giorni, soprattutto ora che ho trovato una babysitter (e speriamo che non scappi), e che la Donna-manager ha trovato casa e non dobbiamo sprecare il sabato a porre domande sui mobili che rimarranno, sulle spese di condominio e sui vicini se son tranquilli.


h 20.00

Non ho resistito, ho iniziato la valigia.
Non è per resistenza, è per organizzazione.
Non è per organizzazione, perché avevo detto improvvisazione.
Improvvisando, non ho controllato se le maglie che uso di solito erano sporche o pulite.
Le maglie? I maglioni vorrai dire..
Già, dove sono i maglioni?
Ne ho approfittato per il cambio dell’armadio, anche se non so a cosa mi servirà dopo questa vacanza.
Ne ho approfittato per preparare la camera per gli ospiti per la babysitter.
Cosa c’è da preparare? Il letto. Avrà freddo? Basterà questo vecchio piumone?
E la mia valigia dov’è?
Eccola, ora la profumo un po’, poi la riempio.
Come al solito la valigia è piena ma i vestiti non li ho ancora messi.
Macchina fotografica, batterie, caricabatterie del cellulare (lo userò?), diario di bordo (perché non avrò internet, ma prenderò appunti da postarvi al mio rientro), spazzolino, il dentifricio non devo portarlo, libro.
Libro?
Sì pensavo inizialmente a Teoria e pratica della persuasione, poi ho letto la recensione di Chiaretta su Anna Karenina e ho pensato di prendere questo. In realtà sono arrivata ad un terzo del thriller del mese, non dovrei finire quello prima? Anna Karenina è così grosso che potrei solo iniziarlo, non va bene. Inoltre se io leggessi Teoria e pratica della persuasione, e se la Donna-manager mi portasse a vedere il suo ufficio, e se quel giorno ci fosse il suo capo, e se venisse fuori l’argomento, se riuscissi a cogliere l’occasione di fare un commento azzeccato, certo se capissi cosa dice il libro e lo ricordassi e..
In questa frase ci sono troppi “se” per poterla prendere sul serio. Prenderò l’altro libro.

Libro?

Sì, andrò molto prima all’aeroporto, decisa a trovare parcheggio in quell’angolo di paradiso non asfaltato che funge da parcheggio gratuito: lascerò la macchina lì tre giorni e voglio che stia comoda e sicura. Prevedo* di andare lì due ore prima del previsto, di trovare subito parcheggio (di solito mi succede) e di passare due ore più una in aeroporto a leggere. Mi devo portare anche un panino per pranzo.

Con nutella, certo.

La nutella: è stata ricomprata, ma non da me, perché a quanto pare io sono solo una delle tante che vengono mandate a far spesa… Pensavo di riempire un bicchiere di nutella dal barattolo grande e di portarlo in dono alla Donna-manager: contro lo stress da lavoro dipendente fa miracoli. Se poi non la vuole me la riprendo.
Mi sono decisa, e ho dato la ricetta dei tortini Finger Food ai Folletti, e quella dei Biscotti alle mele e dei Lebkuchen alla Donna-manager per le sue colleghe: in fondo avevo già dato a MagaMagò quella del pan di Spagna, perché tirarmela tanto?
Tutte ringraziano.
Come ringraziamento per l’ospitalità (e per il biglietto aereo) porterò, a sorpresa, un vassoio di Lebkuchen che farò domani, oggi ho ricomprato le nocciole e il cioccolato.
Oggi mi sono anche lavata i capelli (dopo pranzo) e mi son fatta la piega. Da sola, sì. I miei capelli mi piacciono perché, quando me li pettino io (se e quando), il liscio mi dura un giorno, il giorno dopo li ho lisci con le punte in fuori e così mi piacciono molto, il terzo giorno mi viene fuori di nuovo il mosso, il quarto giorno è meglio lavarli, va’. Ho tre pieghe diverse ma ne ho fatta solo una!
Oggi dopo essermi fatta la piega da sola mi sono ricordata che domani devo andare in palestra, dove suderò come un maiale allo spiedo, quindi mi verranno fuori addirittura i boccoli al secondo giorno e contemporaneamente saranno di nuovo da lavare.
Non solo la lavatrice mi era passata di mente…

*Prevedo di voler uscire di casa il prima possibile!

2 commenti:

  1. Adesso ho capito perchè stasera la nebbia è sparita e si è alzata la temperatura ! Il clima milanese si prepara per Elle ! Un privilegio che hanno in pochi :)Io opterei per una rivista,perchè credo cha a parte il viaggio,avrai poco tempo.Qui ci sono tante cose da fare ( troppe ) e i ritmi sono convulsi,anche solo per uscire a bere un aperitivo ( pratica insulsa,ma prediletta dai milanesi che ammazzano il sabato o il venerdì ).
    PS : se sei a Milano di sabato e hai voglia di acquisti musicali,fai un salto da Buscemi dischi.Si trovano un sacco di cose splendide a prezzi stracciati.E lì a fianco c'è il mitico bar Magenta,che è un'istituzione della movida meneghina.

    RispondiElimina
  2. Non nevicherà??? Uff..
    Milano mi deve una giornata di sole, perché l'anno scorso ho preso tanta di quella pioggia che stavo per lasciarci un piede.. ma io imperterrita ho continuato a camminare e il giorno dopo, sconfitta, è stata clemente. Però comunque quel primo giorno me lo deve!
    Ci andrò domenica, ma non credo fino all'ora dell'aperitivo.. e il negozio sarà chiuso (però me lo segno per un'altra volta)..
    Vista la non organizzazione (a parte il corso che devo seguire) io pensavo di camminare ad oltranza, e a questo punto godermi il clima milanese personalizzato ;)

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...