domenica 11 dicembre 2011

Krümeltorte.

Premessa: ho smesso di ripeterlo, ma non ho smesso di desiderare la lavastoviglie.
Inoltre ho notato che il mio bagnoschiuma profuma come il detersivo per lana e delicati, che sia un complimento alla mia pelle? Non c’entra nulla con la torta, ma mi è venuto in mente mentre pensavo all’odore del burro che superava quello dell’olio johnson con cui mi ero imbevuta e che a sua volta aveva coperto l’odore di detersivo per lana e delicati.

Vi dico subito due cose importanti per la Krümeltorte:
cosa 1, Krümel significa briciola
cosa 2, a me le briciole non son venute.
Ho preso la ricetta da un libro di ricette che lessi tempo fa in Germania (a marzo durante le mie ferie-incubo che non correi mai ripetere, ps. avete notato che sono sempre in ferie? Va beh), e che fa parte di una collana degli anni cinquanta del Dr. Oetker (che potrebbe essere questa) con un volume per ogni tipo di ricette: da quello dei dolci io ne avevo trascritte tre, ovvero le ricette delle poche torte che avevo assaggiato (a Berlino soprattutto) e che pensavo di fare. Apparentemente sono lunghe e difficili, con vari livelli di ingredienti, ma solo perché i tedeschi son precisi, non vi diranno mai che quelli che seguono sono, genericamente, gli ingredienti, se ci sono gli ingredienti per l’impasto e gli ingredienti per il ripieno, nemmeno quando il ripieno è un semplice strato di mele che poteva rientrare nell’impasto: nel momento in cui l’impasto viene diviso in due e messo metà sotto le mele e metà sopra, quelle mele diventano ripieno e vanno trascritte a parte.
Pertanto.

Ingredienti per l’impasto (adattati da me che non amo le cose troppo zuccherose, ma alla fine del post vi darò come al solito la versione originale).
200 gr di burro
50 gr di margarina
150 gr di zucchero
1 bustina di zucchero vanigliato o aroma alla vaniglia (0,5 gr)
1 uovo
Un pizzico di sale
500 gr di farina 00
1 bustina di lievito

Ingredienti per il “ripieno”.
750 gr di mele
1 bustina di zucchero vanigliato o aroma alla vaniglia (0,5 gr)
1 cucchiaino di zucchero

Procedimento.
Sbattere il burro con le fruste elettriche (ho poi scoperto che avrei dovuto usare quelle a spirale, ma ormai il danno era fatto, sarà per questo che le briciole non mi son venute) fino ad ottenere una crema schiumosa (notate la mia poetica traduzione dell’aggettivo “schaumig”).



Aggiungere a poco a poco lo zucchero, l’aroma alla vaniglia, il sale e l’uovo.



In una ciotola a parte mescolare la farina setacciata e il lievito.
Aggiungere un cucchiaio alla volta all’impasto i 2/3 della farina-lievito. L’impasto è veramente morbido, secondo me anche troppo, a me viene più bricioloso quando faccio la frolla e il burro non è ben sciolto, perciò credo che il problema di questa ricetta sia fare la schiuma al burro all’inizio. Ho trovato un video in cui le briciole vengono molto meglio e, presa da improvvisi ricordi, ho cercato anche qualcosa sulla sbrisolona che, sì, come sospettavo, è fatta con un impasto a briciole e, sì, il procedimento segue l’ordine della pasta frolla e non quello di questa ricetta, ma ormai la mia torta è in forno, staremo a vedere.




Mettere il resto della farina-lievito sull’impasto e mescolare con le mani, lasciando che si formi una massa briciolosa (che ve lo dico a fa’: a me veniva una palla, perciò l’ho mollato senza accanirmici troppo; che ve lo dico a fa’ due: in italiano “bricioloso” mi viene corretto da word, in tedesco “krümelig” esiste eccome).



Procedimento per il “ripieno”.
E qui vi volevo, al procedimento per ottenere da quei pochi ingredienti un vero ripieno.



E niente, si tagliano le mele a fettine, io ho usato le più vecchie e raggrinzite che avevo in casa.
Si mescolano con la vanillina e un cucchiaino di zucchero, con le mani perché non c’è il tanto di sporcare nulla, e sfido chiunque a riuscirci senza pensare mai una volta di avere più zucchero nelle mani che sulle mele (ed era solo un cucchiaino) e che mai e poi mai tutte quelle mele si zucchereranno così, e senza mai chiedersi “ma le mani me le ero lavate???”


Procedimento per infornare la torta.
E adesso ci ho preso gusto con questa precisione e separo questo paragrafo: mettete metà delle briciole (o quello che vi è uscito) nella teglia imburrata e fate pressione con le dita, per creare una base senza buchi (fortuna che l'impasto è proprio morbido). Accendete anche il forno a 175° così si riscalda.



Coprite l’impasto con le mele, buttate là sopra a casaccio (questo l’ho visto nel video, quindi almeno una cosa ho fatto in tempo a copiarla).



Cospargete le mele con le restanti briciole: le mie come vedete sono specie di palline che si son formate dalle mie mani nel loro debole tentativo di sbriciolare i salsicciotti che mi erano usciti con l’impasto, involontariamente.



Infornare per circa 50 minuti.

Bene, sono le 23 e 07 e se io mi ricordassi a che ora ho messo in forno la torta, la sfornerei.

Ingredienti per l’impasto (originale).
250 gr di burro o di margarina
200 gr di zucchero
1 bustina di zucchero vanigliato o aroma alla vaniglia (0,5 gr)
1 uovo
Un pizzico di sale
500 gr di farina 00
1 bustina di lievito

Ingredienti per il “ripieno”.
750 gr di frutta (mele, ciliegie o prugne: se sono troppo dure, cuocerle pochissimo con un po’ d’acqua e zucchero, e poi lasciarle raffreddare)
1 bustina di zucchero vanigliato o aroma alla vaniglia (0,5 gr)
Zucchero a piacere

Sfornataaa:


Purtroppo.. ho dovuto assaggiarla subito per farvi sapere com’è venuta. Calda non è consigliabile, mi sono ustionata il palato con le mele, e nel difendermi le briciole mi sono andate di traverso. Ma sono ancora viva, e siccome il sapore del burro è ben presente e le briciole sono abbastanza sbriciolose, direi che è ottima, nonostante l’iter dubbioso.
Pertanto: confermo tutto ciò che ho scritto sopra, dagli ingredienti al procedimento.

5 commenti:

  1. Questa è la ricetta più simpatica che abbia mai letto finora!! Ahahahah però dai le briciole ti son venute, come no? Un'ottima torta comunque! Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Isabel: è una bomba davvero..

    Chiaretta: oggi ho capito qual'è la vera differenza tra briciole e palline: è talmente pesante per via del burro, che con le briciole si alleggerisce, invece con le palline ad ogni pallina è una mazzata allo stomaco; confermo il gusto ottimo ma io più di mezza fetta non riesco a mangiarne (oggi ne ho regalato un quarto eheh)

    RispondiElimina
  3. Tipo la sbrisolono con ripieno ! però,dai,anche a guardarla ingrassa ! farò le scale rotolando.Colpa tua :)
    A parte gli scherzi,dev'essere buonissima.
    PS : e cambiare bagnoschiuma ? :)

    RispondiElimina
  4. Sì per fortuna ha il ripieno, altrimenti sarebbe indigeribile (per caratteristiche intrinseche della ricetta, non per colpa mia ve')
    Il bagnoschiuma credo che finirà nel porta-sapone liquido.. non che la mia pelle non sia delicata come lana, anzi!

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...