martedì 27 dicembre 2011

Risvegli.


Oggi finalmente sono in vacanza.
L’avere ospiti per me è un lavoro e, come sempre quando lavoro, ho cercato di svolgere al meglio le mie mansioni, ma mi sono presa le mie ore di permesso insindacabili, nonostante le timide proteste di qualcuno.
Il mio calcolo della parità di diritti fra me e questo qualcuno, però, è semplice e non lascia scampo: se la Persona A inserisce nel programma della giornata ripetuti 

smanettamenti col cellulare, che ha pure internet, e arriva addirittura ad essere aggiornata giorno per giorno su tutto ciò che è stato pubblicato su facebook da ognuno dei suoi 254 “amici”, la Persona B (io) può a sua volta inserire nel programma della giornata due o tre capatine nella sua stanza-ufficio, sedersi al computer, connettersi ad internet, leggere quelle due mail di auguri e rispondere, aggiornarsi su tutto ciò che di nuovo è stato pubblicato da nemmeno dieci blogger, tra blog che legge e basta e blog che segue e commenta, e può altresì rispondere ad auguri e commenti sul proprio medesimo blog, nonché scrivere una bozza di post da rivedere e correggere ma intanto la scaletta è scritta.

Qualcuno però ha pensato bene di commentare che io sono sempre al computer a scrivere.
- Tu non scrivi, però sei sempre al cellulare. – ho risposto.
La differenza è palese e ridicola: il mio computer è nella mia stanza-ufficio, quindi se mi siedo al computer, si avverte la mia sparizione improvvisa, mentre il cellulare è ormai il prolungamento della mano di molti, quindi a me basta girarmi per constatare la presenza (fisica) di una persona che però, mentalmente, è sparita dal soggiorno quanto lo sono io quando vado nella mia stanza-ufficio.
Altra differenza è che se io protesto, la risposta è: devo controllare solo una cosa.
Quando io sparisco invece son tutta concentrata su un lunghissimo foglio bianco da riempire, o su lunghissime pagine da leggere, e rispondo, precisa come non mai: fra trenta minuti son da te.

(il mio regalo a me)
Stamane la sveglia alle 5 è stata inutile, perché qualcuno a CasaMia allietava i corridoi già dalle 4, perciò io e Romy ci siamo alzate senza fatica, siamo uscite senza far colazione, io personalmente pure senza vestirmi, e con un unico pensiero fisso che era quello di tornare il più presto possibile sotto le coperte. Alle 5 e 10 siamo partite da CasaMia, e le poche cose che abbiamo detto riguardavano i 7 gradi dell’aria e la mezza pioggia che continua imperterrita ad infangarmi la macchina e il fatto che Romy alle nove dovesse essere al lavoro, quindi lei col cavolo che si è rimessa sotto le coperte fino alle 11 come ho fatto io.

Oggi ho deciso di dedicare la mia giornata alle pulizie, poi ho visto che non c’è il sole, e le pulizie è bello farle col sole, le finestre spalancate e tanta voglia di pulire. Ho pensato anche che, in fondo, riordinare le camere sarebbe stato suficiente, visto che non accenno a rimettere la testa a posto, e il mio pavimento continua ad essere disseminato. Di tutto. Ho due nuovi romanzi da leggere, avevo iniziato Anna Karenina, e ho la netta impressione di aver scritto post bruttissimi in questi tre giorni, priva della dovuta concentrazione e libertà, perciò vorrei recuperare con un bel post.
Devo riordinare anche il mio computer, abbandonato ancora una volta a se stesso, pieno zeppo di canzoni di natale e video di natale di prova, di foto di prova e di e-mail di prova, inoltre il bilancio di questo natale è ancora incompleto, perché ripartiti gli ospiti devo aggiungere le impressioni del natale "semi-attivo e in compagnia", per non parlare del fatto che è in arrivo il capodanno ed io, le suddette impressioni sul natale, sento di potervele riassumere in un breve: non voglio fare nulla per capodanno. Basta.
Però il mio natale non è stato male, e prima o poi dovrò analizzarlo e capire perché, ma ora rischio solo di essere aggredita dal disordine della mia camera che, come ogni debole a cui viene dato un po’ di potere, si è esaltato e vuole approfittarne per un colpo di stato.

L’unica cosa che sono sicura di fare oggi è andare in palestra: riapre questo pomeriggio e alle 18 offre la lezione di recupero di ieri a tutte noi della mattina.

2 commenti:

  1. che bello essere un pò in vacanza! io invece sono tornata operativa :P

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...