sabato 14 gennaio 2012

Lezione.

Di notte ha pianto.
Tranquillo, stai tranquillo non è successo niente.
Quello che.. è successo con..
Non è successo niente, non piangere.
Non mi perdonerà maaai.
Ti ha già perdonato, dormi adesso, tranquillo, è tutto passato.
Non le volevo fare maaale.
Ormai è fatto, copriti ora che sei ghiacciato, e dormi tranquillo.
No.. non mi perdonerà maaai.
Ma lei ti ha già perdonato.

Avrei potuto elucubrare sulla scelta infelice di termini, ma io pensavo ad altro.
Farà bene anche alla coppia, stare così vicini in questo frangente.
Io non mi alzo, risulterei la più inquietante di tutte le mie apparizioni.
Nella mia decisione di non alzarmi, ho trattenuto la pipì tutta la notte.


Ha pianto per quasi tutta la notte, ha preso sonno poco prima delle sei.
Io ormai non dormo più.

La disperazione era ai massimi livelli.
Non mi perdonerà mai.
Una voce paziente lo consolava.
Io non mi sono alzata, non avrei saputo cosa fare, le mie parole le avevo dette, l’abbraccio finale non è di questo mondo.
Avrei aggiunto una rassicurazione, ma senza tono paziente a consolare.

Lasciamo che pianga.
Lasciamo che scopra cosa significa piangere tutta la notte, inconsolabile, senza futuro, senza speranze.
Lasciamo che scopra cosa significa sentirsi sbagliato, sentire di aver sbagliato, irrimediabilmente.
I singhiozzi.
Io pensavo ai miei.

I singhiozzi, un groppo al cuore, i singhiozzi no, la disperazione trasudava dalle pareti della casa.
Io pensavo ai miei: trent’anni di singhiozzi.
Lasciamo che pianga. Sul cuscino, sotto il cuscino, senza cuscino, seduto. Il percorso sarà lungo, ma tutti ci passiamo. Lasciamo che lo segua.
  
Tranquillo, non è successo niente.
Io lo so perché piange, l’ho visto nei suoi occhi. Voleva davvero farmi male. La sua rabbia.
Poi si è risvegliato, ha pensato, ha capito.
E ora piange perché si sente un mostro cattivo.

Ora.. ora mi sono ricordato.
Sssst, dormi adesso, non pensarci più.
Lasciami pensare, mi sono ricordato. Le ho detto di andarsene, di andare via!
Quel che detto è detto, non pensarci ora.
Sì ma l’ho detto!
Ma lei non se n’è andata, sta dormendo ora. Dormi anche tu, e copriti bene che sei ghiacciato.

Le lacrime sono finite, rimangono i pensieri.
Parola per parola, cos’è stato detto?
Ricorderà anche le mie, o è sprofondato così tanto nella sua colpa grave da ripetersi solo le sue?
Il momento della lucidità è in agguato.

Cosa fai? È notte.
È notte?
Sì, sono le cinque, dormi.
Ancora notte?
Sì.
E.. e Elle? Elle se n'è andata, vero?
Noo, è coricata in camera sua, sta dormendo. Dormi anche tu, è ancora presto per alzarsi.
Ecco gli incubi.

Elle in camera sua si chiede se è il caso di toccare ferro.
No, dai, non sono superstiziosa.

La notte è finita quando ha ripreso con le solite frasi, le solite domande, la solita confusione.
Una volta in piedi cosa ricorderà? Cosa dirà? Cosa racconterà?
Io ricordo il suo pianto come in un sogno, lontano. C’è stato, ma che importanza ha ora? E dopo?
Ora è tutto finito, apparentemente non rimane nulla di ieri.
Io non penso a nulla. Nulla da “perdonare”, nulla da ripetere, nulla da dire da fare.
Sul momento non ho avuto paura, solo rabbia. Quando ho detto “non pensiamoci più” lo pensavo. Ora non vorrei nemmeno più sentirne parlare, basta così.

Perciò sono sveglia ma non vado a fare la pipì né a fare la colazione. Aspetto ancora un po’, se rimarrà questo silenzio mi addormenterò.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...