mercoledì 22 febbraio 2012

Tiramisù con la crema pasticcera.

(Rezept auf Deutsch)

A volte a CasaMia mi fanno delle richieste, ed io faccio orecchie da mercante, perché le conseguenze sono istruzioni dettagliate fin quasi nell’intimo che devo indossare e che io dovrei seguire alla lettera, ad esempio: perché non ti metti quell’altro grembiule che va meglio per quando cucini? Perché usi sempre quella teglia e non prendi invece quest’altra che è migliore? Mettiti sul tavolo per fare questa cosa.
Negli anni la situazione è leggermente migliorata, ma ci sono ricette che ancora non ho fatto perché mi ricordano i momenti peggiori della mia attività di pasticcere.
Domenica però avevo problemi ben più gravi di mia madre che mi chiede il tiramisù, ossia una ricetta che io considero estiva, e che inoltre è così famosa e sputtanata che tutti son convinti di saperla fare. Il mio tiramisù ad esempio è buonissimo, ma sbaglio biscotti, soprattutto dopo che se lo son spazzolato mi spezzano l’orgoglio con l’incorreggibilità della mia scelta di ingredienti.

La mia preoccupazione più grande però non è soddisfare i desideri della mia famiglia, ma evitare che la mia famiglia commetta il peccato di spreco. Siccome però il Danubio alla nutella che avevo fatto e dimenticato era a dirla tutta immangiabile per pastosità, non volevo costringere nessuno a mangiarlo per forza, anche perché di solito quando costringo qualcuno a mangiare, quel qualcuno sono io.
Ma quel Danubio era immangiabile anche per me perché nauseava senza saziare.
Eccolo qui di seguito tagliato a fette e pronto per essere ripulito dai semi di papavero che avevo aggiunto senza pensare.


Infatti! Avete collegato il testo di cui sopra al titolo, bravi: ho usato il Danubio come biscotto per il tiramisù, e ho sostituito la crema al mascarpone con una buonissima crema pasticcera.

Ingredienti.
Biscotti o degni sostituti
Caffè a piacere, zuccherato a piacere (io nelle ricette trovo sempre quantità precise espresse in tazzine, ma a me ne serve sempre molto di più, non so, sarò io che esagero col caffè)
250 ml di latte
1 fialetta di aroma alla vaniglia
2 tuorli
50 g di zucchero
1 cucchiaio di farina setacciata
Cacao in polvere a piacere
Granella di noci (a me ne era avanzata dai tortini)

Procedimento.
Ho scaldato sul fuoco il latte e la vaniglia (io non l’ho fatto bollire, ho spento prima).


Nel frattempo ho mescolato bene i tuorli con lo zucchero.


Ho aggiunto la farina setacciata e mescolato ancora. Ho versato il composto in un altro pentolino più grande e l’ho messo sul fornello acceso.



A quel punto il latte era caldo , ho spento quel fornello e ho aggiunto il latte bollente più o meno lentamente al composto di farina, e ho mescolato con la frusta a mano: si è formata una sorta di schiuma.


Dovete mescolare senza sosta finché la schiuma non si assorbe e la crema non si addensa, fermandovi e spegnendo il fuoco al momento giusto.


Ho versato la crema in una ciotola e l’ho lasciata raffreddare a temperatura ambiente.


Ho preparato il caffè, l’ho versato in una ciotola e ho aggiunto un cucchiaino di zucchero (sennò mia madre chi la sente).


Ho inzuppato le fette di Danubio lasciandole ammorbidire nel caffè bollente (i normali biscotti si sarebbero sciolti all’istante, il Danubio invece ci ha pensato bene, prima di lasciarsi infiltrare), poi li ho sistemati in una pirofila o come si chiama.



Ho spalmato uno strato di crema pasticcera.


Ho inzuppato le altre fette di Danubio e ho ricoperto con la restante crema, poi ho cosparso con il cacao e infine con la granella di noci e mia madre ha detto: “buono, però dentro è un po’ asciutto, perché non l’hai bagnato con un po’ di caffè?”
Forse perché è l’unico ingrediente della ricetta del tiramisù che ho messo davvero?


7 commenti:

  1. Mi sembra davvero un'ottima idea, una proposta alternativa che mi piacerebbe provare!!
    Brava!!

    RispondiElimina
  2. Oddio non ci credo, hai usato il Danubio come base di biscotti!! Davvero originalissimo!!! Io non avrei osato tanto devo dire la verità.. mi attengo molto alle ricette, ma ogni tanto un po' di iniziativa non guasta!! Bravissima Elle!

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo con Debora :)
    però diamoci un altro nome ...tipo
    "ci ho pensato sù?"
    cazzata eh? :))
    ciao Elle

    RispondiElimina
  4. Debora provala, te lo confermo io: se ben inzuppato di caffè qualsiasi biscotto va bene, anche un panino dolce come è il Danubio ;)

    Chiaretta io sto imparando ad attenermi alle ricette, ma non rinnego il mio passato di improvvisatrice, soprattutto quando l'alternativa è buttar via qualcosa, non ci sto! :)

    S. non vorrei cambiare nome per non dover spiegare ogni volta, in fondo il sapore del caffè e del cacao in superficie supera tutto il resto, e nessuno direbbe che non è un tiramisù fatto secondo ricetta.. ;)

    RispondiElimina
  5. buonissimo questo tiramisu', io non amo il mascarpone e questa crema sara' buonissima lo faro' quando vorro annegare tutto nei dolci ciao a presto

    RispondiElimina
  6. Ahaha macché annegare: buona nuotata piuttosto ;)

    RispondiElimina
  7. Chiamiamolo Bel Danubio Su', e non pensiamoci più.:) Ho mangiato solo un'insalata...mi hai fatto venire una fame !:)

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...