domenica 25 marzo 2012

Sottigliezze linguistico-comportamentali.

L'altro giorno ho ricevuto un messaggio da un tipo che frequentavo un tempo:
"ciao elle.. come va ? .. come stai ? .. un bacio.."
Un giorno è passato prima che io trovassi il messaggio (io e il mio cellulare abbiamo un rapporto a distanza).
Una notte è passata prima che io mi decidessi a rispondere.
Ho scelto le parole sulla base della seguente considerazione: lui ci ha impiegato circa 365 giorni a notare che non aveva risposto al mio ultimo messaggio. Pertanto:
"Ciao, io sto bene, e tu?"
Considerato che la risposta non mi interessa, e visti i suoi precedenti, direi che io e il mio cellulare possiamo stare tranquilli per altri 365 giorni (ho rapporti a distanza con un sacco di gente, alcuni però sono più freddi di quelli che ho col mio cellulare).

Tempo fa lessi su un blog che "gente" è il dispregiativo di "persona". Io ho sempre usato la parola "gente" come "insieme di persone", quindi per me dire "persone" o dire "gente" ha lo stesso significato, con la differenza che il secondo è singolare e devo coniugare diversamente il verbo; se dovessi dare una sfumatura di significato leggermente diversa, direi che quando dico "persone" ho in mente le singole persone nell'insieme, anche quando parlo di persone generiche e sconosciute, come a dire che pur trovandosi nell'insieme ognuna agisce a modo suo; mentre se uso "gente" mi riferisco ad una sorta di calderone in cui tutti finiscono assieme e, almeno in quel caso, senza differenze.
Pertanto ho rapporti a distanza con tanta gente, però con alcune persone i rapporti sono affettivamente meno distanti.
Nonostante il dizionario di italiano mi dia ragione, e aggiunga anche che "gente" può essere utilizzato genericamente per dire "qualcuno" (c'è gente), da quando ho letto la frase in quel blog, ogni volta che uso la parola "gente" mi chiedo se non stia offendendo qualcuno che la pensa come quella blogger e non vuole essere definito "gente". Per me infatti il significato negativo del termine si sposta sul resto della frase (conosco gente stronza, ma anche persone di merda) o su altri termini (gentaglia, ad esempio). Non ho mai considerato "gente" come dispregiativo, di per sé, rispetto al più umano (?) "persone".

ps. ieri ho fatto i panini al latte!


14 commenti:

  1. Assolutamente GENTE non e' per niente dispregiativo . Anzi e' un insieme di persone e, pur rappresentando una pluralità, ha assunto il genere femminile .. Quindi non può mai essere accostato ad un significato negativo ;)
    Quanto al tipo del messaggio... Si vede che si risveglia sempre a primavera !
    Prendila positivamente : hai tempo 365gg per trovarti altre 3 parole rispetto a "bene e tu?"
    ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Elle !
    Hai fatto bene a non rispondere al messaggino...è una tua scelta personale, ma che io condivido !
    Quanto all'uso di persone o gente, concordo con te, non ho mai dato a gente una connotazione negativa. Anche perchè molto dipende dalla costruzione della frase..non sono sempre intercambiabili,nel senso che l'italiano è anche una lingua "musicale" e la frase deve suonare bene. Ciò che caratterizza la qualità della gente o delle persone, è il contesto, cioè gli aggettivi o la situazione che descrivi.
    Se è per questo, ognuno ha le proprie paranoie...conosco gente che non ama sentirsi salutare con "salve"..
    A me non piace l'uso della parola "carissima/carissimo" per salutare qualcuno, del tipo " carissima, come stai ??"..mi da di qualcosa di freddo, non sentito ( ma è un MIO problema, quindi se qualcuno lo fa, mica penso a male ). Diverso è cominciare una lettera o uma e-mail o un messaggino con : "Carissima Elle, come stai oggi ?? ".
    Altra cosa che non mi piace è l'uso della frase " Buona Vita " sembra contemporaneamente una frase di chiusura, come se io e l'interlocutore non avessimo più nulla da dirci di qui all'eternità e insieme a quel "buona vita " mi mandasse anche un pochino affanculo ! Ma anche in questo caso è un MIO problema, cioè, io non la uso come espressione e stop !
    Alla fine se dici "Quante persone stronze ci sono al mondo " suona molto meglio che dire " Quanta gente stronza c'è al mondo"...o no??? Tanto il risultato non cambia, il mondo è comunque pieno di stronzi !! :)))
    Un bacione e buona domenica !

    RispondiElimina
  3. "Io amo l'umanità, è la gente che non sopporto"
    Linus e la sua coperta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao George, benvenuto nella Casa dello Spirito :) beh, detta così la gente sembra proprio negativa, però effettivamente rispetto a "umanità" perde il significato generico e sembra riferirsi a un certo tipo di persone in particolare, ad esempio a quelle con le quali si ha a che fare abitualmente (anche quelle cattive), mentre "umanità" raggruppa l'insieme delle genti del mondo, potenzialmente buone e.. basta mi sto incasinando ;)

      Elimina
  4. Anche io penso che il significato alla parola sia dato dal resto della frase.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Baol, è quello che penso anche a proposito del dare del tu o del lei: se voglio mancare di rispetto a qualcuno non importa che passi al tu, si può fare anche col lei. E il fatto che io dia del tu alle persone non significa che voglia mancar loro di rispetto, anche se sono più anziane di me, a meno che non siano anziani che si offendono se li chiamo anziani ma allo stesso tempo non saprebbero indicarmi un termine preferibile :)

      Elimina
  5. Effettivamente, "gente" è un termine con cui solitamente si da dello stronzo al quadrato, senza andare troppo per il sottile. Poi ci sono le persone, stronze a modo loro,singolarmente prese, ma sempre stronze.E poi ci sono io, il re degli stronzi.A voler fare della facile ironia, si potrebbe dire che viviamo in un mondo la cui natura è molto escrementizia :)Per fortuna,la vita riserva anche cose meravigliosamente profumate, come la musica, i panini al latte e Elle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Blackswan lo sai che non resisto se mi elenchi tre cose, sto tentando di darti torto ma non ci riesco ;) Ti posso perdonare i cumuli di merda, il fatto di esser re e anche l'innocenza con cui mi definisci "meravigliosamente profumata" perché in questo momento, e dopo questi discorsi di merda, non ci giurerei!! :)

      Elimina
  6. Mi prendo la responsabilità del complimento:) Mi regali tanti sorrisi e molti pensieri di spessore.E' profumo,fidati :)

    RispondiElimina
  7. Beh, in realtà è spesso l'accezione comune che noi (gente) diamo alle parole che crea confusione e danno.

    Ad esempio la parola negro indica semplicemente chi è di pelle scura, termine corretto e accettabilissimo. Poi noi (gente) lo abbiamo caricato di significati di disprezzo che al termine non appartengono.

    Risultato: io non posso dire negro che c'è subito qualcuno (gente) che mi rompe i coglioni :)

    RispondiElimina
  8. a proposito di gente per me sono chi non conosco, persone quelle che conosco,che con il tempo ma tanto possono diventare amici ma dopo molto tempo perche' io in amicizia sono molto generosa ma impiego molto tempo prima che consideri appunto una persona amica ciao un caro abbraccio

    RispondiElimina
  9. certa gente dovrebbe solo sparire!

    RispondiElimina
  10. Sinceramente non avevo mai sentito che "gente" fosse dispregiativo.. perciò io direi di stare tranquilla Elle, ho idea che solo quella blogger la pensi così!
    Ps: i tipi che si fanno sentire così di punto in bianco dopo taaaanto tempo li sterminerei ^_^

    RispondiElimina
  11. Una blogger che vuol fare della pignoleria gratuita, allora :)
    Chiaretta 'sti tipi mi lasciano sempre fra il curioso e il perplesso!!
    Valli a capi' ^_^ ecco ti copio pure la faccina..

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...