sabato 21 aprile 2012

Album di foto/2.


Ho foderato un altro album di foto. Il procedimento è lo stesso, semplicissimo, dell’altra volta, anche i materiali, e anche la storia: io da tempo incollo le foto su fogli A4 per fotocopiatrice, eventualmente aggiungo una didascalia, infilo i fogli nelle buste trasparenti dei porta listini, ed ora rivesto le copertine di plastica con la stoffa. Ancora una volta ho usato il vecchio lenzuolo dai colori assurdi, ma dal quale prelevo solo la parte più sobria (stavolta nelle misure è rientrato anche un po’ di verdino, oltre al giallo, nel bordo inferiore).

Riassunto dei materiali.
Ago, filo, tessuto, graffette e spilli, bottoni e nastrini, colla vinilica, cartoncino e penna.
Il portalistini e le foto dovreste averli già.

Riassunto fotografico del procedimento (per i dettagli vedete: Album di foto)
Ho fissato con gli spilli il bordo di un rettangolo di stoffa beige osceno che non avrei usato per nient’altro al mondo; la misura è un rettangolo poco più grande della pagina di copertina; l’ho fissato poi alla copertina con le graffette. Ho cucito lungo il bordo interno: con un ago non troppo sottile si buca bene la plastica, io per sicurezza ho pre bucato, ma poi bisogna ritrovare i buchi!



Ho fatto lo stesso sulla copertina dietro: il beige copre la parte interna. I bordini ripiegati li ho fissati con la colla (vedete primo post). La copertina esterna l’ho coperta con la stoffa gialla, un rettangolo di misura doppia, perché copre davanti e dietro in un abbraccio solo (aggiungete i centimetri del bordino). Ho fissato tutto con le graffette.


Sul retro ho cucito alla fodera beige il bordino giallo e la tasca, assieme. E ho aggiunto un fiore di carta, materiale che oramai cucio con la predisposizione di un chirurgo.


Ho recuperato le etichette adesive che avevo messo sulla plastica, cucendole sul dorso e sulla copertina davanti, anche assieme a un fiore.




Ho aggiunto due nastrini (sbiechino? E chi può dirlo, solito dilemma) e due bottoncini per chiudere l’album, neanche fosse il Grande Libro delle Formule Magiche.



Ecco il prodotto finito, con un gustoso assaggio fotografico della mia vita a Berlino: come vedete era dura alzarsi la mattina. Come potete vedere ho cucito un'etichetta anche all'intern.. ehi, dico a voi! Lasciate stare il Buttercroissant e guardate a sinistra della fot.. bah, è inutile, ho capito!








2 commenti:

  1. E brava !!! Che carino che è..certo che quel cornetto lì in prima pagina non passa inosservato, e tende a catturare l'attenzione del lettore..se ci volevi più concentrati sul tuo lavoro, in prima pagina avresti dovuto mettere una foto di poco conto ;)
    Ciao mia bella signorina tedesca...

    RispondiElimina
  2. Ehehe.. nel caso l'album non piaccia, potete consolarvi con la foto ;)
    ciao ciao

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...