venerdì 6 aprile 2012

Tiramisù dello Spirito.

Sabato scorso ho fatto di nuovo il tiramisù. Forse vi ricorderete che è uno dei pochi dolci autorizzati ufficialmente dal Consiglio Supremo delle Donne di CasaMia, mentre io non ne vado pazza, nonostante poi spazzoli bene bene il piatto anche io; sarà che l’idea di un dolce al caffè non mi piace, però poi fra crema e contro crema, come dirgli di no?
Vi ricorderete anche che per me il tiramisù è una ricetta utile quando ho biscotti da eliminare perché vecchi e mollicci. Cos’è successo sabato? Che per l’ennesima volta uno dei Folletti ci ha rifornito di biscotti che sembrano usciti dall’oltretomba il giorno dei morti, ed io ho detto basta: ci vuole un tiramisù, oltrettutto farò contenta la famiglia con qualcosa che a loro piace.
Naturalmente a CasaMia non c’era ombra di mascarpone che ve lo dico a fa’, perciò ho ripetuto la performance con la crema pasticcera, ben decisa ad inzuppare i biscotti nel caffè bollente fino al midollo, per evitare lamentele inutili e a vuoto (chi le ascolta più?), ma allo stesso tempo meditavo di fare un tiramisù che invogliasse anche me all’assaggio, perciò ho partorito la seguente idea.

Ingredienti.
Crema pasticcera al cacao secondo la mia ricetta.
Una pera cotta secondo la ricetta del ripieno delle sfoglie: al posto del succo del limone ho messo quello di una specie di mandarino grande, e le pere le ho tagliate a fette anziché a cubetti.
Biscotti vecchi e mollicci: numero imprecisato, stimerei sui 25.
Due caffettiere da tre di caffè zuccherato da me.
Un quadrato di cioccolato fondente (dalla tavoletta da 500 g) sciolto a bagnomaria.
Una decina di noci tritate.
Un pezzetto di pera cruda tagliato a julienne.

Procedimento.

Ho preparato la crema pasticcera al cacao secondo la mia ricetta, unica variante: non ho messo la vaniglia nel latte.


Ho preparato le pere secondo la ricetta del ripieno delle sfoglie, uniche differenze: prima ho fatto sciogliere burro, zucchero, succo di specie di mandarino e cannella, una volta formata la salsina ho aggiunto le pere e le ho cotte per circa due minuti.


Ho preparato il caffè e finché era bollente l’ho zuccherato e ci ho messo dentro i biscotti dal cuore più resistente di tutta la pasticceria mondiale: i bordi si scioglievano in pappetta, al centro restavano duri.


Ho fatto uno strato di biscotti nella pirofila, poi uno di crema al cacao, infine uno strato (l’unico) di pere senza la loro salsina (sì e no un cucchiaio).


Ho fatto un altro strato di biscotti e un altro di crema al cacao, poi ho tritato le noci sgusciate e le ho sparse sulla crema, poi ho preso un pezzetto di pera e l’ho tagliato a julienne e ho messo le striscioline sulle noci, poi ho colorato le pere crude con la salsa delle pere cotte.


Infine ho sciolto il cioccolato fondente a bagnomaria..


.. e l’ho sparso sulle pere, incasinandomi anche stavolta perché non mi entra in testa che se aspetto si rapprende. Comunque l’importante è il sapore, anzi: il mix di sapori.


La prossima volta faccio le coppette singole perché rimane molto morbido. Ottimo.


Il commento della famiglia?
Elle cerca di fingersi esperta di dolci al cucchiaio: - ..e poi ho cotto le pere con lo zucchero la cannella il burro il succo di quella specie di mandarino.. –
Famiglia: - Mm.. mmm.. –
Elle dallo sguardo professionale e ispirato: - .. ho fatto i vari strati.. –
Famiglia: - Mm.. mmm.. –
Elle col boccone in bocca e voce impostata alla verità assoluta: - ..e poi ho messo la granella, i filini di pere crude, la salsa delle pere cotte (tocco di classe ve vojo di’) e in ultimo, sciolto a bagnomari..–
Famiglia: - Sì, non ce ne frega niente di sapere come l’hai fatto.. l’importante è che è davvero molto molto buono. –
Cooosaaaa??!?

6 commenti:

  1. Piu che quiete prima della tempesta, non e' stata questa variante di tiramisu ad aver messo un po'
    di "convulsione "? ;-)
    Ricetta: benché sia una bomba calorica deve essere stato fantastico sto tiramisu !!

    RispondiElimina
  2. Complimenti Elle, davvero un dolce delizioso !
    Spero che tu oggi stia un pochino meglio !
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  3. Vaty è possibile! L'hanno assaggiato tutti!!
    Il tiramisù è stato fantastico, ma niente calorie..
    o almeno, non credo... :)

    Mary va molto meglio :) Ora penso a qualche dolce per questi giorni.. sono indecisa perché ho diverse voglie ma devo selezionarle mica posso farle tutte in una volta!

    RispondiElimina
  4. La tua presentazione del tiramisù è spettacolare.Non parlo del cibo,ma delle parole.Io i biscotti zombie li avrei gettati nel cesso.Non ho la tua fantasia, Ellina :)

    RispondiElimina
  5. Particolarissimo! Devo dire che non ci avrei mai pensato!
    Domenica farò anche io il tiramisù, ma con le fragole ;) chissà come verrà, posterò la ricetta!

    RispondiElimina
  6. Grazie Black :) e se il gusto riesce ad eguagliare le mie parole è proprio grazie ai biscotti zombie, che danno all'insieme una pastosità senza precedenti nella storia del tiramisù ;) (fortuna che son finiti)

    Pocahontas aspetto la tua ricetta con le fragole, ne ho sentito parlare ma non l'ho mai assaggiato! L'abbinamento mi è venuto in mente pensando ai tortini che avevo fatto tempo fa ed è piaciuto anche col caffè :)

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...