lunedì 2 luglio 2012

Davvero c'è crisi?


Oggi in molte città d'Italia c'è una madonna da festeggiare. A Siena ci fanno pure il palio, anche a Matera fanno la cavalcata della Bruna. E persino al Paesello è festa, tanto che, stando a voci di corridoio, la banca avrebbe tenuto chiusi i battenti. Non è una festa nazionale, ho provato a protestare, ma niente, tutti a CasaMia hanno giurato che la banca ha dichiarato di voler tenere chiusi gli uffici della filiale del Paesello oggi.
Oggi è come se fosse il primo del mese, data importantissima a CasaMia. Stamattina a colazione, pertanto, mi hanno ricordato che devo andare in banca, ah sì, la banca non è chiusa, hanno deciso di aprire per non lasciare i titolari di deposito a secco per tre giorni di seguito, quindi la banca oggi è aperta, ma solo la mattina, perché è festa, anche se qui non ci sono i cavalli nemmeno nelle macellerie, perché le macellerie di lunedì sono chiuse come i barbieri, e anche se non fosse giorno di chiusura, sarebbe comunque giorno di festa, c'è la madonna.
Voci in sottofondo.
Sguardo truce: - Cosa? Non la senti la musica? – abbasso la musica: - Perché ogni volta che ho la musica accesa devo sentir bisbigliare, mi giro e ci siete voi che borbottate dalla porta chissà da quanto per parlare con me?!? Se ho la musica ALTA, chiamatemi e quando mi giro e vi vedo e siete sicuri che ho capito che siete lì e parlate con me, mi dite quello che dovete dire! –
- Non ti prepari per andare in banca, Ellina? –
Sguardo truce: - No. La banca è chiusa, avevate detto.. –
- Ma oggi ci hanno fatto sapere che è apert.. –
- Ma siccome a me avevate detto che era chiusa, io per oggi ho fatto altri programmi!! –
- Altri programmi.. – fuga tra i borbottii, la mia eventuale risposta si perde, alzo di nuovo il volume.

Le proteste: e la spesa, e le persone da pagare, hanno lavorato, bisogna pagarle puntualmente, non è giusto lasciarle così..
Già. Sappiamo tutti quanto sia determinante il ritardo anche di un solo giorno nel ricevimento dello stipendio, no? Quanto ci irriti, quanto ci sembri una mancanza di rispetto.
Sapevate tutti che la banca sarebbe stata chiusa, avete saputo solo stamattina che avrebbe aperto, quindi vi siete organizzati per stare un giorno in più senza stipendio, no? Ero l'unica che diceva che la banca non può chiudere per una festa di paese.

E la spesa, e le persone da pagare, la famiglia, le bollette, non possiamo non pagarli hanno lavorato..
IO non ho uno stipendio, lavoro ma non mi paga nessuno, sì è un lavoro perché se non lo faccio, se dico che ho altri programmi, protestate e minacciate, ma non mi paga nessuno, e non ho bollette, e non ho una casa mia, e non ho una famiglia da mantenere, perché non me la posso permettere, mi devo far mantenere io, quindi scusate se non mi commuovo all'idea che una persona per colpa mia percepirà domani e non oggi il suo stipendio intero.

Siccome non ho un lavoro io non capisco questa storia della crisi.

Il pensiero che io dal 2009 non abbia un lavoro perché dal 2009 c'è la crisi e quindi io sappia benissimo cosa sia non ha mai sfiorato nessuno?

6 commenti:

  1. Evidentemente no, non hanno pensato al fatto che non trovi lavoro perché c'è crisi, forse pensano che sia tu a non volerlo cercare. Io mi ritengo fortunata perché un lavoro ce l'ho e lo stipendio puntuale pure, ma è triste rimanere incatenati in un lavoro che si è stati obbligati a fare, ma che non ha niente a che vedere con la tua formazione o con i tuoi desideri, che non sono da sottovalutare. Insomma, c'è crisi per tutti, soprattutto per i giovani!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. In questi tre anni ho lavorato vendendo minchiate per turisti nelle bancarelle, in totale nemmeno un mese. E poi l'anno scorso come cameriera ai piani in un albergo per venti giorni. Basta. Ed è evidente che io non ho gli elementi per capire a fondo la crisi, non mi rendo conto che c'è gente che non riesce nemmeno a pagare il mutuo, infatti io non posso comprare un cellulare a rate, cosa posso saperne del mutuo??
      E ora come ora, ti giuro che sarei disposta a dimenticarmi che volevo studiare linguistica, e a fare qualsiasi lavoro..

      Elimina
  2. Prima o poi,finirà sta cacchio di crisi, i giovani troveranno lavoro, le banche torneranno a fare prestiti e in centro città scorreranno fiumi di latte e miele.Per quel giorno,io sarò sdraiato sotto un paio di metri di terra a mangiare l'insalata dalle radici.Dopo aver acceso un mutuo per pagatrmi il loculo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E l'insalata la vuoi gratis? Sei furbo tu! Fatti cremare, va là, ma da un amico che ti deve un favore ;)

      Elimina
  3. Ciao Elle è tanto che non passavo a trovarti ho avuto degli ospiti e poco tempo per me , come stai? vedo che sei sempre in gamba nel sottolineare quelle che sono le tematiche correnti questa benedetta crisi che ci fa star tutti di malumore. Un abbraccio a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto per scoppiare, cara Alba, o forse sono già scoppiata e sono i miei resti a parlare ;)
      Il fatto è che a tutti piace lamentarsi della crisi. Con me. E questo è di ispirazione.

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...