mercoledì 1 agosto 2012

Targhette per valigia (e biglietti da visita).

PREMESSA IMPORTANTE: questo è solo il primo post di una lunga serie di "creazioni da viaggio", che vi accompagneranno per tutto il mese, ovunque andiate, ovunque siate.

Avevo tre possibilità per scrivere il mio indirizzo su una targhetta da appendere alla valigia, tre possibilità fantasiose, naturalmente:
1) scriverlo su carta e cucirlo ad un pezzo di stoffa colorata
2) sfruttare uno dei miei acquerelli, ad esempio uno dei carinissimi chiudipacco:
3) usare lo stesso metodo delle etichette personalizzate.

Io ho scelto la terza possibilità, sfruttando il mio metodo di fare un'etichetta per fare una targhetta.

Avevo ancora un pezzo di stoffa gialla intriso di colla, con la quale avevo fatto le prime maldestre prove di etichette, perciò ho preso le misure e ho visto che potevo creare quattro targhette, due per le mie valigie, e due da regalare, basandomi sul modello delle mie etichette.
Pertanto ho aperto il file nel quale avevo scritto le etichette, e a pagina due del documento word ho creato una tabella, ho scritto nome indirizzo e numero di telefono e ho aggiunto l'icona dei limoni che c'è anche nella mia etichetta, ma...


...cosa potevo usare per le targhette da regalare?
Ci sono! Una farfalla. Arancione. Provate a cercarla su internet, una farfalla arancione...
Vabbe' alla fine l'ho trovata, e ne ho trovato anche una azzurra con la quale sostituire i limoni.
Il passo successivo è la stampa, e se mi entrasse in testa qual'è il senso della stampa, non metterei il foglio a testa in giù (o in su?). Io infatti avevo un pezzo piccolo di stoffa, perciò l'ho fissato in cima al foglio con il nastro di carta, ma ho infilato male il foglio nella stampante e sopratutto ho mandato in stampa tutto il documento, che a pagina uno aveva solo 24 volte l'etichetta personalizzata. Il pezzo di stoffa si è salvato dalla stampa sbagliata solo perché, in fondo, le 24 etichette non occupavano tutta la pagina.

In sostanza mi sono ritrovata con un foglio in cui la parte inferiore era stampata ad etichette, mentre la parte superiore, dove avevo attaccato la stoffa per stampare le targhette, era fortunatamente intonsa (o quasi). A ruota naturalmente è partito il secondo foglio, dato che le targhette erano a pagina due del documento.

Ho rifatto tutto da capo, premurandomi di selezionare le targhette sul documento e cliccare su "stampa selezione"; non è uscita drittissima ma va bene. Ho spillato le targhette ritagliate ad un pezzo di stoffa dello stesso colore (a cosa serve? ad ingrandire le targhette, visto che la stampa va fatta su stoffa pre-trattata con colla - vedete post sulle etichette - e io ne avevo un pezzo piccolo in cui le etichette son rientrate tutte e quattro per un pelo).


Poi ho cucito la stoffa gialla a quella a fiori, che costituisce il retro (o il davanti) della targhetta.


Per cucire ho usato un filo rosso sopra, e bianco sotto, e il punto a zig zag.


Infine ho cucito a mano un nastrino, lasciando aperti i lembi in modo da poterlo legare con un fiocco alla valigia.





Ma con la stampa errata di targhette su foglio, cosa potevo farci? Esatto: biglietti da visita (non mi servono ma sono carini).
Cosa serve:
- il foglio stampato per sbaglio


- cartoncino blu
- colla stick
- a piacere righello e una matita blu per colorare il contorno:



6 commenti:

  1. Sei un fenomeno! Avessi metà della tua creatività...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grazie Adriana, però ora che rivedo le foto: non sono sfuocate ma.. le ho fatte proprio male!

      Elimina
  2. Fossi Rai yoyo ti assumerei per la trasmissione di dodo' quando crea! Sei fortissima e molto creativa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non hai ancora visto tutto, in quest'ultima settimana sono stata un vulcano!

      Elimina
  3. Il segreto per tutto il fai da te è... LA COLLA VINILICA.

    Scusa, delirio da Art Attack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stavolta ho usato la stick! Comunque la vinilica ce l'ho pfui!!
      L'importante è che non serva quella a caldo perché non l'ho ancora comprata.

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...