mercoledì 12 dicembre 2012

Messaggera d'amore.

Eccomi di nuovo qui, a spronarvi al sorriso gratuito in vista del 14 dicembre, giorno del grande evento pensato e organizzato l'anno scorso da Chiara del blog machedavvero.

Io parlo di sorrisi, perché è ciò di cui c'è davvero scarsità ultimamente: quando una commessa mi sorride io vado in brodo di giuggiole, per non parlare dell'effetto che mi fa il sorriso di un benzinaio - anche dei benzinai bergamaschi, che quando parlano non si capisce quanto gli devi dare, anche se avevi detto venti euro, quando lo ripetono sono incomprensibili, ma volete mettere ricevere un sorriso? Lo stesso vale per i clienti berlinesi, il bergamasco e il berlinese d'altronde suonano simili, mugugnano entrambi, ma cavoli, quando sorridono allegri ti sciolgono il cuore. Voi sapete che io adoro sorridere quando sto alla cassa, anche quando fino a poco prima leggevo il mio libro di nascosto, annoiatissima, se entra un cliente, sorrido serafica, grata e dolce allo stesso tempo. E vengo ricambiata, sogar! Quindi so che sorridere fa bene, ma anche che ricevere sorrisi fa bene.

Chiara di machedavvero era partita invece dalla curiosità di leggere un biglietto trovato per caso, e dall'emozione e dal piacere che si proverebbe a leggerci sopra una frase carina che non era sicuramente dedicata a noi, ma che fa piacere leggere in quel momento. Quindi aveva proposto di fare lo stesso per gli altri, in un giorno preciso, il 14 dicembre appunto, disseminando un po' ovunque messaggi positivi, incoraggianti, rassicuranti, dolci. Frasi famose, strofe di una canzone, o inventate di sana pianta, messaggi lunghi o di una sola frase, purché istiganti alla serenità se non addirittura alla felicità, almeno per quel giorno.



In cosa consiste l'iniziativa? Nel lasciare un foglietto con un messaggio carino in un luogo pubblico dove potrà essere trovato da una persona che, chissà, forse proprio in quel momento aveva bisogno di sentirsi dire una cosa carina,  di ricevere un sorriso, di sorridere. Il foglietto può essere lasciato in un posto a caso, ad esempio sullo scaffale del supermercato, sotto il tergicristallo di una macchina, in un bagno pubblico. Io l'anno scorso li avevo lasciati in palestra, quest'anno pensavo al bagno della scuola e al supermercato, e naturalmente alla metro.
E li scriverò in tedesco, selbstverständlich (=of course). Beh, quello nel bagno della scuola lo posso scrivere anche in italiano, ci sono tanti italiani a scuola, e magari qualcuno di loro si sente solo in una città straniera e vorrebbe riceve un sorriso rassicurante: il mio.
Il messaggio è anonimo, Chiara ha preparato dei biglietti da stampare, io anche quest'anno li disegnerò da me col logo dell'iniziativa, perché non ho possibilità di stampare.

Qual'è la novità di quest'anno?
Questa:
L'ospedale pediatrico Meyer di Firenze promuoverà l'iniziativa nei suoi reparti, ma sopratutto Chiara di machedavvero e le tre blogger sue socie nell'edizione  #leaveamessage 2012 sosterranno l'ospedale pediatrico, e chi partecipa può a sua volta aiutare con una piccola donazione. Per i dettagli del leaveamessage day vi rimando al blog machedavvero.blogspot.co.uk di Chiara, che spiega anche come pubblicizzare l'evento su Facebook, Twitter e Instgram, e ha preparato anche una locandina da stampare e appendere negli uffici, nei negozi, nelle scuole ovunque ci sia bisogno di essere un po' più sorridenti gli uni con gli altri.

Ps. quest'anno tengo particolarmente a quest'iniziativa, perché è dalla lista dei partecipanti dell'anno scorso che la Formica scalza è arrivata a me. Lo trovo incredibile!

***

#leaveamessage2012
Die Weihnachtszeit ist schon wieder da, und #leaveamessage ebenfalls! Es ist Zeit, um echt nett zu Freunden und Fremden zu sein und um Lächeln zu verschenken.
Und wie?
Man schreibt einfach einen netten Satz, eine Ermutigung, die Strophe eines Liedes auf einen Zettel, welche das ihr selbst euch wünscht, zu lesen, sodass die Freude am Leben wieder geweckt und den Mut gemacht wird, nach Glückseligkeit zu suchen. Man lässt die Zettel unterwegs in die Stadt, wo sie am möglichsten gefunden werden könnten: Auf der U-Bahn, in der Schule, im Fitnessstudio, bei der Arbeit, im Krankenhaus usw.
Wann denn?
Am 14. Dezember.
Und dann?
Ihr könnt gern auf Facebook (zusammen mit dem Link http://bit.ly/leaveamessage2012), auf Twitter oder Instagram (#leaveamessage), auf eure Blogs (bitte das offizielle Banner des Ereignisses benutzen) Bescheid geben, dass ihr mitmacht.
Ja, aber warum?
Nur um Lächeln, Freude und Energie zu verschenken. Ladet ihr eure Freunde zu #leaveamessage 2012 ein!

AGGIORNAMENTO del 14 dicembre: Missione compiuta/2012. Ho lasciato i miei messaggi sui treni che prendo per andare al lavoro, poi al supermercato dove ho comprato il pane e le banane, infine sui due treni al rientro.

17 commenti:

  1. molto carina questa iniziativa :)
    penso che inonderò la mia città, che di sorrisi siamo scarsi assai :)
    e passero' da Chiara
    grazie Elle, ciao Elle, un sorriso sorridente e profumato di vaniglia Elle :)
    baci Elle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava S.ylvia racchiudi il tuo sorriso in un biglietto e lascialo un po' qua un po' là, per chi passa :)
      ciao ciao

      Elimina
    2. Fatto :)
      ho anche ricevuto poi un caffè...e una pizzetta...da chi mi conosceva ;)
      e poi lasciati tanti in giro...perfino sull'altare di una chiesa...
      sono un'eretica :)
      ma ancora non ho finito...il giorno è ancora lungo
      ciao Elle

      Elimina
  2. Ma che storia.. Uns iniziativa davv particolare. Leggo il tutto meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, particolarissima, e semplicissima: sembra di tornare un po' bambini, alle cose semplici di una volta.

      Elimina
  3. Mi piace molto questa iniziativa..vado a leggere qualcosa in più, inoltre concordo con il potere terapeutico di un sorriso..amo sorridere e mi piace chi lo fa..:)
    Ciao Ellina !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa cosa si prova a trovare, per puro caso un biglietto con una frase carina, quant'è terapeutico? Per non parlare di cosa proverebbero quelli che credono nel destino ;)

      Elimina
  4. E' un periodo che di sorrisi non ne faccio e , anzi, chi lo fa mi indispone pure.
    Ma ti rendi conto come sono ridotto??????????
    Ma voglio reagire e per cominciare ne voglio mandarne uno a te. E ti ci metto pure il messaggio: quando tutto sembra girare per il verso sbagliato, credi ancora in chi ti ha sempre amato: Babbo Natale. Che quest'anno ti porterà una stampante (a colori pure). :)

    E' un'iniziativa fantastica. Mi piace. Lo farò. Sul serio. Giuro.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuri? Sulla vita di Faustino, magari.. Granduca non indisporti, hai fatto bene ad iniziare subito a sorridere (a me per giunta, per dindirindina), e durerà almeno fino al tuo compleanno, poi si vedrà, mica possiamo programmare tutto subito!
      La stampante mi sarebbe davvero utile, però con scanner e fotocopiatrice(anche se il fatto che tu specifichi "a colori" mi preoccupa)..

      Elimina
    2. Bella l'idea del messaggio sotto i tergicristalli... invece di trovare il solito volantino delle massaggiatrici cinesi.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Credo fossero proprio messaggiatrici, una volta tanto i cinesi anziché imitare, sono stati imitati!

      Elimina
  6. Ehi, ma che splendida idea! Adesso penso a dove lasciarli (va bene anche se lo faccio in un altro giorno, no?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì! Secondo me anzi è più bello se lo facciamo quando non c'è dietro l'iniziativa, così è un regalo davvero gratuito e spontaneo, e non perché qualcuno l'ha proposto (sarebbe come fare gli auguri alle mamme solo per la festa della mamma, festività che, assieme ad altre di questo tipo, odio!)

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...