venerdì 10 gennaio 2014

Bozza della mia prossima iniziativa.

Allo Spirito è venuta un'idea.
A proposito di letture.
Si parlava infatti di regalare libri e io dicevo appunto che non conosco nessuno a cui piace leggere perché esagero sempre e che sono ancora troppo pochi quelli che hanno capito che mi piace leggere perché un po' di vittimismo emerge sempre e quindi pensavo di spiazzarlo facendo una lista dei libri che ho ricevuto in regalo quest'anno ma che senso avrebbe meglio sarebbe fare una lista di libri regalati in modo da non avere più la benché minima possibilià di lamentarmi se nessuno mi regala libri visto che nemmeno io ne regalo con che coraggio potrei continuare a far la lagna?

Si parlava anche di far conoscere i bei libri italiani a quegli italiani che gli italiani li snobbano e anche e sopratutto a quelli che degli italiani parlano solo quando c'è da criticarli eppure loro stessi non hanno una qualità che sia una importante ossia saper trovare quello che di buono negli italiani c'è o gli italiani davvero buoni che ci sono o quelli che quando li trovano se li tengono per sé fino a dimenticarli che non è certo ciò che si dice riconoscenza per esser stati buoni ma tant'è che a molti è venuto in mente facendo due più due di regalare libri per le feste e per la precisione libri italiani di italiani buoni non di quelli che ti fanno mettere le mani in testa e piagnuccolare oi oi oi.
In generale però si potrebbero regalare più libri di quelli belli adatti al ricevente cosicché non si senta sovraccaricato della responsabilità di leggere e capire qualcosa che non apprezzerà perché non è il suo genere e questo succede quando a tutti i costi si vuole regalare un libro o anche solo partecipare a un'iniziativa che preveda di regalare più libri ma le iniziative per essere di successo devono comunque rispettare sia le persone a cui si rivolgono sia quelle che a loro volta verranno coinvolte perciò non è che adesso ci mettiamo tutti a comprare libri a caso e a regalarli a naso pensare prima di agire è ancora lecito solo pensavo di suggerire di abbandonare la moda del bagnoschiuma o cos'è che va di moda quest'anno e fare lo sforzo di spulciare fra le nuove uscite e i vecchi classici per trovare quel libercolo che fa proprio al caso della persona a cui lo vorremmo regalare che è anche comodo perché il catalogo dei libri si può sempre consultare online vale a dire senza cercare parcheggio vicino alla libreria ma anche lontano purché lo si trovi né schivare gli acquirenti invasati  sul marciapiede e tutto per andare da una libreria all'altra a leggere la quarta di copertina dei primi titoli che ci son venuti in mente inoltre a volte basta telefonare in libreria dopo aver scelto sul sito della casa editrice e dire che mettano i libri da parte arriveremo nel pomeriggio la confezione regalo non importa ma se è possibile volentieri grazie.

L'iniziativa consisterebbe quindi nel regalare solo libri in qualsiasi occasione anche italiani se ce la sentiamo cioè se sono davvero buoni altrimenti alimenteremmo la diceria che gli autori italiani non valgono a nulla se non a vendere invece noi vogliamo spargere la voce che gli autori italiani sanno come rapire un lettore come farsi ricordare come farsi comprare anziché fotocopiare come farsi conservare gelosamente ma anche prestare nonché ordinare dalle biblioteche e pure regalare per le feste perché sanno scrivere sanno raccontare conoscono la grammatica e l'ortografia conoscono la letteratura italiana che all'estero ha reso famosa l'Italia per secoli e che da secoli all'estero viene studiata ma pure in Italia seppur controvoglia insomma mica gente pescata per strada ma vere persone che non disdegnano di star sedute a tavolino ma nemmeno di uscire a cercare informazioni per rendere le loro storie davvero avvolgenti reali seppur dotate di vere ali della fantasia.

Come tutte le iniziative personali che si rispettino non è che dobbiamo vantarci perché basta tenerne nota per noi anche per evitare regali doppi oppure fare una lista per vedere i progressi o anche per vedere quale libro senza rendercene conto ci ha convinti di più perché l'abbiamo regalato di più e io ad esempio quello del 2013 l'ho già individuato è in assoluto il libro che ho comprato di più e cioè senza contare la copia per me e questo mi fa piacere e allo stesso tempo mi sprona a fare di più a ripetere l'esperienza per questo motivo accanto all'iniziativa Leggiamo di più ci voglio mettere dal 2014 anche l'iniziativa Regala(ti) un libro e dal titolo si capisce che non è che io voglia fare la benefattrice altruista e basta cioè la prima destinataria dei miei regali sono sempre io una volta testato il libro posso dire davvero che merita oppure chiedo consigli ad altre persone che leggono tanto e bene se per caso hanno qualche nuovo libro bello bello da consigliarmi per un regalo così e così.

Però un po' di vanità non guasta soprattutto se è a buon fine come potrebbe essere quello della divulgazione di una sana abitudine ho pensato ai blog ma anche a facebook o twitter o instagram così chi regala un libro può indicare in una pagina apposita o in un post dedicato o con una frase sola o con una foto di volta in volta quale libro ha appena regalato e a tal proposito andate a guardarvi questo post Scrittore dell'anno 2013 che non è una cattiva idea e nemmeno difficile basta tirare le somme ed è fatta il regalo è scelto e chi se ne frega per chi è l'importante è che sia un regalo azzeccato e questo ognuno lo sa per sé e tanto basta se non dimentica di indicare anche l'autore oltre il titolo e naturalmente l'eventuale traduttore illustratore e pure l'editore in modo da non lasciar fuori nessuno di quelli che hanno reso possibile azzeccare un regalo e passare qualche ora piacevole di lettura a tal proposito segnalo anche l'ormai famosa iniziativa I libri non si traducono da soli: citiamo il traduttore nelle recensioni e nelle citazioni e nelle bibliografie naturalmente e nei consigli per gli acquisti ovunque insomma.


Se siete di quelli a cui non piace leggere e siete passati dal titolo del post a quest'ultima frase, prima di aderire all'iniziativa Regala(ti) un libro vi consiglio di farvi almeno sei mesi di iniziativa Leggiamo di più altrimenti fate la solita figura di merda.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Domande frequenti.

1) Che requisiti devo avere per partecipare all'iniziativa Regala(ti) un libro 2014?
R. Saper leggere e avere qualche soldo in tasca. La consapevolezza che non si tratta di regali propriamente economici ma che la ricchezza mentale che ne deriva anche a chi fa il regalo ripagherà di tutto non è necessaria ma consigliata.

2) Leggiamo di più in che senso? Di più di chi?
R. Di più di nessuno, ciccio, non è una gara, ma semmai una sfida con sé stessi: leggete più dell'anno scorso e più attentamente - a tal proposito vi consiglio l'iniziativa The most beautiful sentence che significa "la frase più bella" e consiste nel trovare in ogni libro, in qualsiasi libro, una frase per voi significativa, che vi colpisce, nel bene o nel male, e che perciò vorreste appuntarvi.

3) Non pensi che queste iniziative siano troppe e che caricherebbero comunque di resposabilità il le...
R. Senti, ciccio, le domande frequenti le ho messe per quelli che hanno voglia di partecipare ma non hanno capito bene come si fa, se tu non hai un cazzo da fare, vai in biblioteca e scegliti un libro, e se scopro che hai fatto domande del cazzo anche alla bibliotecaria vengo lì e ti spacco il culo!



Ps. A breve le direttiv.. le informazioni su come e dove partecipare, intanto iniziate a farvi un account per un blog del genere "io e i miei amici leggiamo e tu?" o su facebook del tipo "nome e cognome più soprannome e nomignolo più nome d'arte" o su twitter, dove memorizzerete l'ashtag #Regala(ti)UnLibro2014 perché lo digiterete spesso, oppure passate parola ma soprattutto:

iniziate a regalare libri,
perché il 2014,
come vedete,
è già iniziato!

Buon anno fatto di libri a tutti!

10 commenti:

  1. Ma io, che ho solo un blog, di tipo vecchio tra l'altro, posso aderire? Posso fare un post quando regalo un libro, tipo quello che ho fatto per i libri di Zardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, certo Alli, qualunque spazio è permesso per partecipare: puoi scrivere sia un post per ogni libro che regali (se vuoi dire altre cose oltre a titolo e autore/traduttore) sia un post cumulativo dei libri regalati nel periodo, e metterci tutte le informazioni che vuoi oltre alle suddette (di base): il tuo parere sul libro, a chi l'hai regalato, qualche foto del libro. E naturalmente consigliare a tutti di fare altrettanto ;)

      Elimina
  2. Io ho già iniziato con questo: Wynton Marsalis - Come il Jazz può cambiarti la vita. Poi ho prestato alla mamma La donna della domenica di Fruttero e Lucentini. Vale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo Firma, sei stato più veloce di me a iniziare il 2014 all'insegna del regalare libri ;)
      Direi che va bene anche prestarli, l'obiettivo ultimo è diffondere, insegnare, sostenere la lettura. E diffondere e sostenere l'iniziativa (a breve il "regolamento" a cui aggiungerò il dettaglio dei prestiti).

      Elimina
  3. Mi sembra una bellissima iniziativa, io dovrei metterlo come buoni propositi per il 2014, leggere di più, e probabilmente questa pagina mi aiuterà a scegliere e conoscere nuovi autori.
    Puoi spiegarmi poi, per me che non ho un blog, dove inseriremo i nostri libri?
    Mariposa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Mariposa, sarebbe bello se diventasse davvero una fonte di suggerimenti di lettura!

      Se non hai un blog, hai due possibilità:
      1) pubblicare i titoli dei libri che regali su un social network (su twitter, facebook, instagram o qualunque altra diavolreia moderna), e presto su facebook ci sarà la pagina apposita alla quale tutti potranno iscriversi anche senza invito - ma tutti potranno, anzi dovranno, invitare altre persone a partecipare all'iniziativai ;)
      2) presto ci sarà una pagina apposita anche qui sul mio blog e potrai lasciare il titolo del libro che hai regalato nei commenti alla pagina.
      Ricorda: titolo, autore e eventuale traduttore sono le informazioni base da dare per ogni libro, tutto il resto è a piacere.

      Elimina
  4. Ciao Elle! Io l´anno scorso ho partecipato a "Leggiamo di piú!". Mi é servitor e mi ha stimolato molto a leggere, per cui ripeto la sfida con me stessa. Invece questa storia del regalare libri non so se mi convince, aspetto il regolamento e poi decido, appunto per non fare figura di m***a. Non so se passi ancora da me qualche volta, peró trovi il mio impegno innovato sempre lí. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Leggiamo di più è servito anche a me, hai ragione Formica, stimola! Mi ricordo la tua partecipazione e avevo visto la tua bella lista, tornerò a vedere cos'hai aggiunto nel frattempo.
    Per quanto riguarda Regala(ti) un libro non ti preoccupare: leggere e regalare devono essere un piacere, le regole non sono restrittive o impositive, riguardano più che altro le modalità di partecipazione (quelle delineate anche nelle risposte ai commenti precedenti). Con una pagina del blog simile a quella di Leggiamo di più (ma col nome Regala(ti) un libro) sei già a buon punto, dopodiché devi solo cercare di regalare libri ogni volta che puoi. Vale anche una lista di libri che regaleresti se solo potessi ;)
    Presto delineerò il "regolamento", come vedi completa libertà e calma anche nell'organizzazione ;)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. ho aderito e creato una paginetta nel mio blog! bava Elle! e ci aggiungo pure Leggiamo di più, che una lista di libri in più non fa male a nessuno (con citazioni ;) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, Sole, ho visto le tue pagine! Le liste non sono mai abbastanza, si può arrivare fino alla lista di liste fatte durante l'anno ;)

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...