giovedì 18 dicembre 2014

Kipferl alla vaniglia * Vanillekipferl.

Del tutto inaspettatamente, eccomi qui a pubblicare una ricetta di biscottini di natale. Non credevo che ne avrei fatti, visto che il mio cavallo di battaglia, i Lebkuchen, è morto da quasi due anni, invece...
Una collega, tedesca doc, da giorni mi dice che non ha ancora deciso quali biscottini di natale preparare, e io ascoltandola ho assaporato tutta la tedeschità e la natalizità delle sue poche frasi. Preparare biscottini (in tedesco Plätzchen). Decidere quali. Passare il pomeriggio in tenuta da pasticcere. Procurarsi le scatole di latta a tema natalizio. Regalarli, con un bel biglietto di auguri. Pensare a tutti e a ognuno.
Da quel che ho visto in questi anni qui a Berlino, i Plätzchen possono avere diverse forme e diversi gusti, i biscotti classici tondi sono i più rari. Per farvi un'idea pensate alla cannella, al burro, al cioccolato, alle mandorle: pensate alle scatole di latta con biscottini misti, di solito “per il tè”, che si trovano in Italia, e sappiate che in Germania è tradizione prepararli in casa per natale, anche se naturalmente già da novembre sono in vendita in qualsiasi supermercato, assieme alle varie spezie (cannella, chiodi di garofano), e agli altri prodotti legati alla loro preparazione (formine, potassa, ricettari).
La mia collega mi ha nominato, fra gli altri Plätzchen che si contendevano il primo posto nella sua lista di regali (i biscottini sono un'aggiunta al regalo vero e proprio), i biscottini al burro, la semplicità fatta biscotto, e questo mi ha ricordato che io una volta li avevo fatti, e che se li ho fatti una volta, li posso fare anche una seconda volta. Ho cercato la ricetta e l'ho trovata, corredata di foto come mia abitudine: rivedere quei funghetti mi ha ricordato che ci avevo impiegato settimane a finirli, erano durissimi, noiosi e per niente riusciti. Solo l'idea di insaporirli in diversi modi (cacao, cannella, vaniglia, mandorle, cocco) era buona.
Una newsletter natalizia, però, mi ha rinviato ad una ricetta di Plätzchen che sembrava proprio semplice, e per una volta che avevo le uova in casa nella giusta quantità, non potevo ignorarla! Perciò ho fatto un bel respiro e ieri notte li ho preparati, quasi di nascosto dal mondo, per evitare di dover giustificare l'ennesima figura di merda. Avevo gli ingredienti, avevo voglia di biscottini natalizi; appena ho visto la ricetta ne ho sentito il profumo, una delusione era come al solito dietro l'angolo, ma stavolta non ha fatto capolino. Siccome io la temevo, non mi sono nemmeno disturbata a fare foto, questa volta l'unico impastato è stato il mouse, perché la ricetta è presentata come galleria fotografica e i passaggi sono scritti come didascalia delle singole foto, perciò per proseguire dovevo cliccare avanti. Alla fine due foto le ho fatte, ma con le mani pulite: due foto da spedire alla famiglia a conferma di tutto, e anche voi avrete solo queste, più il link alla ricetta originale, che è in tedesco, ma io ora ve la riporto pari pari in italiano perché, udite udite, non l'ho modificata per nulla.

Ingredienti Zutaten
100 gr. di farina di mandorle 100 g gemahlene Mandeln
275 gr di farina 275 g Mehl
75 gr. di zucchero 75 g Zucker
2 tuorli 2 Eigelb (Gr. M)
200 gr. di burro freddo a pezzetti 200 g kalte Butter in Stückchen
un pizzico di sale eine Prise Salz
50 gr. di zucchero a velo ca. 50 g Puderzucker
2 bustine di vanillina 2 Päckchen Vanillezucker

Procedimento. (für die deutsche Fassung der Zubereitung schicke ich euch auf die Seite, wo ich selbst das Vanillenkipferl-Rezept gelesen habe: Lecker.de. Also, ich spare mir eine Übersetzung).

Lavorate la farina, la farina di mandorle, lo zucchero, i tuorli, una bustina i vanillina, il burro e il sale, prima con le fruste a spirale, poi con le mani, fino ad ottenere un impasto liscio. Formate una palla e avvolgetela nella pellicola, lasciatela riposare in frigo per circa un'ora (più riposa, meglio è).
Dividete l'impasto in quattro parti e arrotolate dei cilindri sul tavolo di lavoro ricoperto di farina; da ognuno ricavate tanti pezzetti di circa tre cm ciascuno, che poi dovete allungare fino a 8 cm di lunghezza arrotolandoli fra le mani; piegateli a mezzaluna e stringete un po' le estremità, così che ai vostri kipferl vengano le punte. Infornare a 200 gradi per 10-12 minuti (i tedeschi son precisi, perciò ricopio anche per voi: forno elettrico 200°, forno ventilato 180°, forno a gas tedesco sul 3, che corrisponde a 200° del forno a gas italiano). Devono dorare un pochino, io ho lasciato circa 15 minuti la prima teglia, per la seconda sono bastati dieci minuti, perché il forno era ormai molto più caldo.
La ricetta dice di inzuccherare i biscotti ancora caldi, io l'ho fatto, anche se non so se sia la cosa giusta, visto che lo zucchero a velo sembrava cuocersi a contatto coi biscotti bollenti, in ogni caso, l'unico effetto negativo è che lo zucchero è diventano un po' granuloso, il sapore non è stato intaccato, pertanto: in un piatto piano mescolate lo zucchero a velo e la seconda bustina di vanillina e inzaccherateci i biscotti ancora caldi, poi fateli raffreddare su una griglia o un piatto. L'unica variante che ho apportato, lo dico solo a voi, è che una delle due bustine di vanillina io l'ho messa nell'impasto, mentre la ricetta dice di usarle entrambe solo per insaporire lo zucchero a velo.

Siccome io non ho scatole di latta abbastanza capienti, siccome in quella piccola metto sempre i biscotti al cioccolato e profuma di cioccolato e non volevo inquinare il profumo di vaniglia, siccome quell'altra piccola che ho comprato con i babbi natale la sto usando per i decori di natale già pronti (fiori o pezzi di panno lenci), siccome le donne di CasaMia hanno sempre messo i biscotti in una pentola, ho usato un pentolino con coperchio per conservare i miei kipferl alla vaniglia quando si sono raffreddati del tutto.

Oggi li ho mangiati a colazione, a merenda, dopo cena come dolce e sono buonissimi: cotti al punto giusto, profumati e gustosi come mai mi sarei aspettata da me, per questo motivo ho deciso di pubblicare la ricetta: per darvi finalmente una buona notizia! 


Aggiornamento della vigilia: Santa S mi ha inserita con i miei Kipferl alla vaniglia nel suo Webar prenatalizio, come potete gustare se seguite il link Webar: Buone Feste e Felice Anno Nuovo.

6 commenti:

  1. Brava, sono buonissimi, a vederli danno veramente questa sensazione (ne sento il profumo). Con me vicino durerebbero poco ;)*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alligatore goloso! Te ne metto da parte qualcuno, ma gli altri li mangio io ;)*

      Elimina
  2. Elle solo le parole con cui descrivi il tutto, fanno venir la voglia di indossare al volo un grembiule e mettere le mani in pasta! !!!! L'idea poi di aggiungerli al regalo di Natale è ottima. Grazie per i preziosi consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te :) Sì, l'idea dell'accompagnamento del regalo è davvero carina, se solo fossi sicura che i biscottini mi verranno sempre così buoni...

      Elimina
  3. Mi è venuta fame... semplici nella realizzazione e le tue parole confermano la bontà. Ci proverò anch'io ,magari quando li faccio ti dirò qualcosa. Mi piacerebbe condividere il tuo post domani al mio Webar, spero tu non abbia nulla in contrario. Grazie e Buone Feste

    RispondiElimina
  4. Grazie Santa. Non so cosa sia il tuo Webar, magari dopo ci faccio un salto per vedere cos'è, spero nulla di compromettente, comunque va bene, cita pure il mio post. Buone feste anche a te.

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...