giovedì 27 agosto 2015

Bevanda fresca allo zenzero.

Sì, lo ammetto, in alcune zone d'Europa è già autunno e la bevanda fresca allo zenzero, solo col suo nome, potrebbe farvi venire l'influenza. Se è così anche da voi consiglio senz'altro di berla bollente, ovvero di fermarsi alla prima metà del procedimento. Se invece siete tra gli eletti che possono godere di un settembre in piena estate, ecco a voi una ricetta semplice per non bere sempre la solita acqua dal rubinetto. Se invece siete tra quegli sfigati che l'acqua da bere la devono comprare, perché dal rubinetto vien fuori fango anti cellulite, provate anche a cambiare acqua, se non volete proprio procurarvi lo zenzero.

Ingredienti:
acqua
zenzero
eventualmente zucchero o miele (lo zenzero ha un sapore forte e deciso)

Variante a freddo:
acqua
zenzero
mela
carota

Variante bollente:
acqua
zenzero
miele
limone
eventualmente tè a scelta

Procedimento.
Tutto è nato da quella che io qui chiamo “variante a freddo” ma che nella realtà è la prima versione di una bevanda di acqua che ho trovato su internet, perché sono abbonata alla newsletter di Misya.info. Secondo la ricetta di Misya, mettendo in un bicchiere o in una brocca d'acqua un pezzo di zenzero, un pezzo di mela e un pezzo di carota e lasciando il bicchiere o la brocca in frigorifero per almeno quattro ore, si ottiene un'ottima bevanda rinfrescante e purificante (o era digestiva?). Io l'ho provata e da bere ogni tanto non è male. Ho anche provato a riciclare i pezzi di frutta e verdura e rizomi una volta bevuto tutto, ma si impregnano d'acqua e perdono sapore, cioè lasciano all'acqua il loro sapore e non possono né essere usati per una nuova bevanda né mangiati così come sono. Insomma vanno buttati.


Siccome non sempre ho le carote, e mi rompe “sprecare” le mele della mia merenda per una bevanda che ne sostituisce un'altra che io bevo comunque volentieri anche senza aromi, e che faccio comunque fatica a bere anche se aromatizzata, ma avevo un bel po' di zenzero comprato per sbaglio due volte e che temevo marcisse, ho deciso di unire la solita tisana allo zenzero dei miei inverni, alla bevanda fresca dell'estate.


Ho sbucciato lo zenzero e l'ho tagliato a rondelle, poi l'ho messo in un pentolino pieno d'acqua in cui l'ho fatto bollire per circa cinque minuti. Dopo ho lasciato raffreddare l'acqua sul davanzale della finestra, come faceva Nonna Papera con le sue torte e crostate, e infine ho colato l'acqua ormai fredda e l'ho versata nelle bottiglie di vetro della cedrata o cos'era. Una volta certa che la bevanda fosse fredda, ho messo le bottiglie in frigorifero. Anche in questo caso ho aspettato almeno quattro ore, perché volevo che fosse bella fredda.
Quando la bevo, verso nel bicchiere 1/5 di bevanda allo zenzero e 4/5 di acqua, perché ha un sapore davvero deciso, e col cavolo che aggiungo zucchero o miele, ma voi regolatevi pure secondo il vostro gusto. Da vedere è senz'altro più estiva e rinfrescante la versione che ho chiamato "a freddo", ma come sapore e freschezza io preferisco lo zenzero puro.



Se invece avete freddo, o sentite un accenno di raffreddore, ricordate che lo zenzero è un antibiotico naturale, quindi potete farlo bollire con un po' di miele (dicono che sia buono per il raffreddore) e poi berlo con una fettina di limone dentro la tazza (dicono che sia buono per il raffreddore). Io evito miele e limone, ma in inverno metto un pezzetto di zenzero anche nei normali tè in bustine, soprattutto nel tè verde, ma anche nelle tisane alla salvia, alla melissa o altre erbe buone per i bronchi e le vie respiratorie. Decidete voi.


Infine, se volete coltivare lo zenzero in casa, aspettate che al rizoma spuntino i nodi e tagliateli via, metteteli nella terra in un vasetto al sole e innaffiateli con cura, ma senza affogarli. Entro sei mesi dovrebbe riformarsi il rizoma, dovreste capirlo dalle foglie in superficie che, cresciute, appassiranno di nuovo. Ma se si fa inverno prima che ciò accada, portate i vasetti dentro casa, perché lo zenzero ama il caldo e sotto i 15 gradi muore. Io l'ho letto sul sito nonsprecare.it, e ci ho provato, ma dopo poche settimane ancora non vedevo risultati, in ogni caso tante regole (periodo, tipo di terra, grandezza del vaso) le avevo ignorate, quindi non mi aspettavo granché. Invece...

7 commenti:

  1. Ah, ottime idee per l'uso dello zenzero, oltre che con i gamberi e il cuscus come lo cuciniamo noi. Lo metterò anch'io nel tè verde, visto che qui di bevande rinfrescanti non c'è molto bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gamberi e cuscus assieme? Cioè un cuscus con gamberi e zenzero? Lo proverò...

      Elimina
  2. Gamberi, cuscus e zenzero, sembra il titolo di un libro post-moderno :)
    p.s.
    anche io preferisco la versione semplice, anzi, liscia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O di uno di quei film che parlano di un ammore nato in cucina ;)

      Elimina
    2. ... sarà tratto da un libro :)

      Elimina
  3. Ecco qui come si fa la bevanda con lo zenzero "vero"... grazie per le spiegazioni. =)
    Dani

    RispondiElimina
  4. Figurati, ti offro volentieri un bicchiere di bevanda dissetante :)

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...