lunedì 14 settembre 2015

Insalata di riso.

Rezept auf Deutsch befindet sich unter dem zweiten Bild.

Se siete di quei fortunati, saprete anche che non è troppo tardi per pranzare con una bella insalata di riso. Io per anni l'ho sempre associata al mare, alla pineta, alla colonia marina in cui facevo le vacanze da piccola, ma poi ho scoperto che esistono mamme che la considerano una ricetta abituale. Purtroppo le Donne di CasaMia hanno subito la pressione dei tempi e delle mode, e io ho dovuto rimboccarmi le maniche e creare la mia ricetta dell'insalata di riso.

Ingredienti.
250 gr di piselli (da scongelare, in barattolo o da sgusciare)
250 gr di ceci (da mettere a bagno o in barattolo già pronti)
150 gr di mais (in barattolo)
80 gr di tonno (una scatoletta)
1 carciofino sott'olio
1 carota
2 uova sode
15 capperi
1 costa di sedano
1 pomodoro cuore di bue
1 cipolla di tropea
olio e sale q.b.
200 gr di riso per insalate (o di riso misto a orzo e cereali pronti da cuocere)


Il primo problema di molte donne, per me, è che non mettono il pomodoro nell'insalata di riso. Come si può omettere questo fondamentale ingrediente? Ho scoperto che esistono sfortunelli intolleranti e esseri alieni a cui il pomodoro non piace, ma ancora non me ne capacito.

Il problema secondario, ma non meno importante, di molte mamme è che seguono le mode per compiacere, pensano, i figli. Ecco spiegate, nell'ordine:
  • la nuova abitudine di usare il riso per un'insalata fredda che si può mangiare anche al mare, da soli, senza genitori, senza cucina a gas, senza donne, nemmeno la mamma, anziché per un bel risotto caldo o per una bella minestra;
  • l'abitudine successiva di condire quest'insalata con la maionese ipercalorica anziché con il sanissimo olio d'oliva;
  • la scelta di usare condimenti per riso pronti in vasetto, con tanto di conservanti dal sapore di galletta stantia;
  • l'abitudine più recente di usare per l'insalata solo e soltanto ingredienti singoli, ma ancora sott'olio e sott'aceto anziché insistere con la ricerca delle singole verdure fresche di stagione, che comunque a casa ci sono sempre.

Il risultato è una ricetta della nonna che cerca di imitare le ricette strampalate degli studenti fuori sede, ma finché non si diventa studenti fuori sede o lavoratori emigrati che tornano in ferie a casa, non ci si rende conto di quanto facciano schifo queste cose in scatola già condite.
E nata solo allora la mia guerra personale con le orgogliosissime Donne di CasaMia, giustamente contente di risparmiare tempo femminile da dedicare ad altro (pulire una volta in più la cameretta ormai vuota? fare un altro giro al mercato?): io pretendo un'insalata di riso sana! E non è che ci voglia chissà quanto tempo in più a farla...
Infatti il procedimento è semplice: si cuoce il riso in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione; nel frattempo si scolano tutti gli ingredienti in barattolo, si sciacquano dalla loro acqua e sale conservante, si sbucciano e tagliano a rondelle e cubetti tutti gli ingredienti con buccia e tutti gli ingredienti troppo grandi, in modo da avere una mescolanza di verdurine omogenea per dimensione, ma varia per colore e sapore. Si mescolano tutti gli ingredienti, aggiungendo un pochino di sale per insaporire quelli più dolci, si aggiunge il riso cotto e scolato, per ultimo i pomodori che altrimenti si spappolano, si mescola per bene aggiungendo olio d'oliva quanto basta per non lasciarlo troppo asciutto, e si porta in tavola. Guten Appetit.



Sommerliche Reissalat.
1 Dose Erbsen
1 Dose Kichererbsen
1 kleine Dose Mais
1 kleine Dose Tunafisch
1 kleine Artischocke in Öl
1 Karotte
2 hart gekockte Eier
15 Kapern
1 Stangensellerie
1 Ochsenherztomate
1 rote Zwiebel
Öl und Salz
200 g Reis (oder Gerste und andere Getreide)

Reis in Salzwasser kochen. Die Zutaten aus der Dose ausgießen, waschen und abtropfen. Die andere Zutaten außer die Tomate schalen, in Stückchen schneiden. Alles in einer Schüssel mit etwa Salz gut rühren. Ausgegossenen Reis hinzufügen, als letzte die in Stückchen geschnittene Ochsenherztomate, sodass sie nicht zerquetscht werden, dann das Öl, endlich servieren und sich die Reissalat schmecken lassen.

AGGIORNAMENTO giugno 2016: ho già iniziato con le insalate di riso, anche se il tempo non è dei migliori, quindi ne approfitto per aggregarmi al contest di Petrusina, dal nome bene augurante Aspettando l'estate, e aggiungo a questo post le foto della mia primissima insalata di riso del 2016.


Giro in bici con pranzo al sacco improvvisato: qualche ingrediente per l'insalata di riso c'è sempre, nella cucina dello Spirito. E per Alli non c'è picnic senza vino:





  

2 commenti:

  1. Sono bellissime le tue ricette personalizzate con polemica incorporata! :-D

    RispondiElimina
  2. CIao Elle!! Hai ragione al 100%! Sì all'olio di oliva, si ai pomodori!! Anch'io li metto sempre e odio i condimenti già pronti! Bellissima la tua ricetta! Un abbraccio
    Sy

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...