venerdì 18 settembre 2015

Porta rotoli da cucina.

Questa è la volta buona. Per la volta sbagliata (ma correggibile, quindi non buttate via le istruzioni) guardate qui.

Foglie di alloro.

Tempo fa si è reso necessario potare la siepe di allori, che avevano raggiunto un'altezza tale da farci credere di abitare al cimitero circondati dai cipressi. Non so i cipressi, ma l'alloro ha delle belle foglie aromatiche che io uso per il sugo, per la carne, per il brodo e per chissà cos'altro, ma di quei rami potati mi affascinavano anche i rametti, perché era la settimana della mia fissa dell'orto, e qui ad ogni casa c'è annesso un orticello e le piante che spiccano più di tutte sono i pomodori, che io ho sempre visto coltivati in serra (teoricamente per avere più calore) e che qui invece crescono ovunque, apparentemente con un unico accorgimento: esser sostenuti da un bastoncino. E cosa c'è di meglio dei rametti di alloro per sostenere la mia piantagione di pomodori?

Rami di alloro.

Non ho mai piantato pomodori, ma i rametti li ho tenuti fino a oggi.
E siccome il porta rotoli precedente mi era fallito, per dispetto avevo voluto modificare la creazione, anziché limitarmi a cambiare stoffa e a prendere meglio le misure, così ho sfruttato i rametti di alloro per sostenere i rotoli da cucina.
Le misure comunque le ho prese meglio, sul campo.


Materiale.
Almeno 5 rametti o bastoncini: due a sostegno del pannello di stoffa (inferiore e superiore) e 3 per i rotoli più importanti; a piacere un sesto rametto per i ganci a cui appendere utensili da cucina.
Un pezzo di stoffa di circa 25x40 cm + 1-2 cm di orlo, in ogni caso almeno 4cm più larga del rotolo più lungo (di solito la carta forno).
Se non volete fare l'orlo vi serve anche lo sbiechino.
Due strisce della stessa stoffa da piegare in doppio, larghe circa 4cm (piegate) e lunghe quanto il pannello più 1cm per ogni rametto che userete: nel mio caso 7 cm in più.
Una strisciolina di stoffa o un nastrino di 10x3cm circa per creare il cappio con cui appendere il porta rotoli al chiodo.
Ago e filo e macchina da cucire.
Ganci a S se li volete.

Procedimento.
Tagliate la vostra stoffa della misura giusta. Se avete rametti selvaggi, scegliete quelli del diametro e della lunghezza giusta. Fate le prove coi rotoli (nella mia foto una prova con una stoffa che oltre che brutta era anche durissima da cucire, quindi ho cambiato stoffa nel corso delle prove).


Fate i bordi al pannello. Al centro esatto del pannello cucite il nastrino per appenderlo: un'estremità a destra e l'altra estremità a sinistra del centro esatto, le estremità devono essere rivolte verso l'alto, l'occhiello deve risultare a testa giù (come una U) sul davanti del pannello. A circa due cm dal bordo fate un'altra cucitura parallela al bordo, fissando la U al pannello. Poggiare il rametto tra le due cuciture e piegare verso l'alto l'occhiello a U, fissandolo con uno spillo lungo il bordo, poi togliete il rametto: in questo modo avete la misura del passante per il rametto di sostegno superiore. Cucite nel punto in cui c'è lo spillo, così che la U risulti ora più piccola e a testa in giù. Cioè il nastrino è diventato un cappio per appendere il porta rotoli.


Cucite i due nastri laterali in doppio, poi attaccateli al pannello, sul lato superiore. Il ramo che passa dentro il passante del cappio centrale, deve passare anche dentro le strisce laterali, perciò infilatelo di nuovo (lasciandolo sotto le due strisce) e prendete le misure, fissando con uno spillo la striscia, al di sotto del ramo. Poi togliete il ramo e cucite dove c'era lo spillo, su entrambe le strisce.
Nella foto i tre passanti cuciti e il ramo infilato.


Per i rami successivi (sostegno inferiore compreso) non serve cucir loro addosso le strisce laterali, anzi è sconsigliatissimo, perché diventa impossibile estrarre il ramo dai passanti quando si deve cambiare il rotolo da cucina, perciò farete delle cuciture di sostegno ai rami, cioè cuciture che rimarranno sotto il ramo, sulle quali i rami poggeranno (nella foto sotto nei punti contrassegnati dagli spilli).
La misura, visto che i rotoli non sono tanto grossi, è di 5 cm sul pannello. Quindi sul pannello fate un segnetto ogni 5cm, sia sul lato sinistro che sul destro. Per lasciare un po' di spazio per togliere il ramo, la misura sui nastri è di 6cm. Quindi sui nastri fate un segnetto ogni 6cm. Ora cucite i nastri al pannello facendo combaciare i due segni: i nastri formeranno una piccola onda all'altezza della cucitura.
Al bordo inferiore cucite i nastri lungo il bordo.


Nel mio caso i rametti sono di lunghezze differenti, perché mi piace l'effetto selvaggio.


Ho lasciato i rami in più anche se non mi servono perché in fondo tre non si vedono, nascosti dai rotoli, invece così rimane evidente il carattere selvaggio del porta rotoli.


Per curiosità e per confrontare i due effetti: ecco il porta rotoli precedente, più regolare, più in ordine, per niente selvaggio.

 

3 commenti:

  1. Adoro questa tua capacità di riutilizzare qualsiasi cosa per creare ... i rametti di alloro, già quelli :)

    RispondiElimina
  2. Ma questo porta-rotoli è troppo furbo!!!
    Mi piace tantissimo.
    Bello, utile e selvaggio q.b. =)))
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihih grazie Dani, il suo lato selvaggio è il migliore ;)

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...