venerdì 15 gennaio 2016

Pochette rosa a maglia.

Dopo la pochette rossa fatta a novembre (che ho regalato), presa dall'entusiasmo, e per non dimenticare quanto ho imparato, né perdere la spinta, ho deciso di fare un'altra pochette, provando un altro filato che avevo a casa. Di questa lana rosa so solo che un tempo era un maglione, che le Donne di CasaMia ci hanno fatto di tutto, e che a me ne era toccato in dote un gomitolo (assieme a tutti i ferri), col quale avevo già fatto la mia primissima pochette a maglia (la pochette rossa e la primissima pochette le trovate qui).


Ho montato 25 maglie su un ferro numero 4 e ho proseguito con molta attenzione per non sbagliare aggiungendo o togliendo maglie, ma questa lana mi è sembrata più lavorabile di altre che avevo a casa e che ho usato per addobbi e altri lavoretti. Ho lavorato un rettangolo lungo circa 23 cm: man mano lo piegavo in due per controllare che la pochette finale fosse delle dimensioni giuste, perché andavo a occhio come al solito.


Ho aggiunto poi un bordino di circa 5 cm a coste 1/1 e dopo aver chiuso il lavoro e cucito i lati della pochette piegata in due, per chiuderla, ho creato un occhiello lavorando due maglie per circa 6 cm di lunghezza, partendo attaccata alla pochette (al centro del bordino a coste) e ritornando più o meno sullo stesso punto. Sulla pochette, all'altezza dell'occhiello, ho attaccato il bottone.


La fodera misura 15 cm di larghezza (più 2 cm di orlo) e 28 cm di lunghezza (più 2 cm di orlo). L'ho chiusa, cucendo i lati come ho fatto con la pochette, e l'ho attaccata alla pochette con una cucitura, lungo il bordo lavorato a coste, e lungo l'apertura anteriore della pochette. In ultimo ho attaccato la mia etichetta, così il regalo è veramente personalizzato.

6 commenti:

  1. Elle, ti stai superando!Ammiro l'uso dei ferri. Sarà il rosa ( a me piace ) ma questa pochette è fresca e frizzante.I ferri mi annoiano, il lavoro non "cresce" mai, l'uncinetto è veloce e mio parere si consuma meno materiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la mia impressione è che l'uncinetto sia più veloce, considerando pure il tempo necessario per ripetere un passaggio sbagliato. Però i ferri hanno un non so che... scoprirò perché mi attirano!

      Elimina
  2. Bella e utilissima. Non subito, ma voglio provarci. Poi ti racconterò :) Curiosità:per l'etichetta hai usato un pennarello per stoffa? Sembra stampato... Una funzionale soluzione anche per delle tracolline da tenere sotto il cappotto o giaccone. Brava ;) Buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. L'ho stampato su stoffa con la stampante di casa (quando ne avevo una a colori), dopo aver preparato la stoffa con la colla vinilica, così non si sfilaccia e tiene meglio i colori. Ha superato la prova in lavatrice ;) Trovi il procedimento in questo mio post.
    Buona l'idea delle tracolline!
    Buon fine settimana anche a te.

    RispondiElimina
  4. Ma quant'è carina questa pochette. Sei brava. Sono sempre ammirata davanti a chi sa creare belle cose con le mani. Io non lo so fare.
    Ho letto il tuo commento. Hai ragione, non ci avevo pensato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto imparando, Ambra! Uno dei miei buoni propositi per il 2016 ;)
      Ed è terapeutico fare cose con le mani, soprattutto quando vengono bene ahaha

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...