mercoledì 25 maggio 2016

Cracker integrali con sesamo e finocchietto.

Ci sono alcune cose che nella Casa nella Palude non possono mancare mai: una di queste sono i cracker. Sono perfetti da sgranocchiare al lavoro, ma anche a casa (quando si lavora). Sono ottimi come antipasto o come stuzzichino da aperitivo. Sono buoni per accompagnare un'insalata e pure come crostini per le zuppe.

Ingredienti.
140 gr di farina di farro
110 gr di farina integrale
50 gr di fiocchi d'avena
60 gr di farina di mais per polenta
10 gr di semi di finocchietto
40 gr di semi di sesamo
6 gr di sale
45 gr di olio
220 gr di acqua



Avevo un po' di farine agli sgoccioli, e le ho usate per questi cracker, che di solito faccio con solo due farine, di cui la seconda è quella per polenta, un po' perché la polenta non la faccio, e l'ho comprata per sbaglio (volevo la farina di mais finissima per farci i biscotti), un po' perché dopo il primo esperimento ho capito che la farina per polenta dà ai cracker una croccantezza in più. Il finocchietto è invece la nostra droga, lo mettiamo ovunque e nei cracker non può più mancare, altro che rosmarino! Idem per i semi di sesamo, che hanno soppiantato il cumino (carvi).


Ho impastato tutti gli ingredienti in una ciotola, con le fruste a spirale, e poi ho steso la pasta sul tavolo (che io copro con la pellicola trasparente), in una sfoglia il più possibile uniforme.


Ho tagliato i cracker a forma di fiore e li ho bucherellati con una forchetta (anche se non hanno il lievito a volte si gonfiano); li ho messi sulla carta forno, mentre il forno scaldava a 180°. Siccome non ho una placca da forno abbastanza grande li metto sulla griglia, ma solo poco prima di infornare, altrimenti i cracker si ammosciano e si incurvano sulla griglia!


Dopo circa 25 minuti sono cotti, ma dipende anche dallo spessore del cracker e dalla potenza del forno (io devo ancora capire se il mio è ventilato!), in ogni caso dopo venti minuti controllo, perché devono essere dorati, non bruciati.


A volte mi vengono le voglie improvvise, legate a ricordi d'infanzia, e mandare messaggi su uazzap del tipo “ti riicoordii?” non mi basta, devo tuffarmi nel ricordo con tutti i sensi, o quasi, e allora ecco che scatta l'ora della merenda coi cracker con tonno, e devo dire che la forma e la dimensione dei miei cracker a fiore sono perfette per le mie fauci da Spirito gentildonna che non vorrebbe sbrodolarsi di olio d'oliva.


Quando ho sentito che Alli era rientrato dal lavoro e faceva strani rumori in cucina gli ho urlato: “Stai mangiando i crackeeer? Mangiali col tonno che è la morte lorooo!”
(da notare la declinazione dell'aggettivo possessivo, avrò detto davvero così?)

Con questa ricetta dei miei cracker quotidiani partecipo per la prima volta e con grande entusiasmo a Panissimo #41 – I pani aromatici, raccolta ideata da Sandra e Barbara, che questo mese è ospitata da Consuelo.



16 commenti:

  1. Grazie di cuore x il tuo contributo :-) Ho sfornato giusto ieri sera dei crackers molto simili e..sono già finiti O_o non mi resta che replicare con i tuoi :-P
    ps: la raccolta termina il 31 maggio..ti aspetto con il pane ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo è un difetto dei cracker: finiscono subito!
      Grazie a te, e ci ritroviamo presto con una pagnotta ;)

      Elimina
  2. Anche se sono solo le 10, e ho finito di far colazione poco fa, mi hai fatto già venir voglia dello spuntino. Sono certa che il tonno ci sta proprio bene. A proposito di ricordi, leggendo di questo abbinamento tonno-cracker mi sono venuti in mente gli aperitivi in vacanza fatti proprio con questi ingredienti (il tonno che usavamo peró era quello cremoso nel tubetto). Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pasta di tonno è vero, l'avevo rimossa! Non mi piaceva granché però era un must del periodo ;)
      Bene, è ora dello spuntino, facciamo fuori gli ultimi cracker, dai!

      Elimina
  3. Vedi come sei elegante tu, i fiorellini, io faccio più o meno lo stesso impasto, lo stendo sottile, lo cucino e poi, grezzona come sono, una volta raffreddato lo rompo a pezzetti e lo chiamo pane croccante e non manca mai in casa ma coi fiorellini fa tutta un'altra impressione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah faccio anche io così, lo dimostrano altre ricette di cracker postate qui, ma ogni tanto mi vien voglia di bello e mi impegno un po' di più ;)

      Elimina
  4. C'è che mi piacciono proprio questi cracker ! Sono da provare ;) Ciao Elle !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary, sono facili facili, e buonissimi quasi quanto i tuoi!

      Elimina
  5. Bellissima ricetta con l'uso di diverse farine e ottimo risultato, belli, sani e dorati!
    Un abbraccio da Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanissimi! Mi piacciono le farine diverse ;)

      Elimina
  6. Ma wow!!! questa ricetta è SUPER!!! Adoro gli ingredienti che hai utilizzato...non li ho mai fatti i crackers, seguirò i tuoi consigli! Grazie!
    Un bacione
    unospicchiodimelone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene i cracker sono davvero facili, e gustosissimi: provali!
      Un abbraccio.

      Elimina
  7. Molto sfiziosi questi cracker... perfetti da sgranocchiare a tutte le ore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, rischiano di finire in giornata. Anche aumentando la dose!!
      Ciao Speedy!

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...