domenica 19 giugno 2016

Borsello da bici.

Già l'anno scorso mi è venuta l'idea per questo borsello, quando Alli ha fatto sistemare una sua vecchia bici per me, in modo da poter iniziare i nostri giri in bici assieme, molto lentamente, per vedere se la schiappa che c'è in me si sarebbe trasformata in cigno. Non solo io ho dimostrato che in me non c'è una schiappa, ma una ciclista in erba, ma anche la bici ha dimostrato di non essere affatto vecchia! Vecchi erano semmai la borsa da viaggio e il borsello che ho ricevuto in dotazione con la bici: polverosi, di plastica appiccicaticcia e per di più neri, un colore tristissimo. E se per la borsa non mi sono data pensiero, perché sapevo di averne una nuova nuova e addirittura di colori simili a quello della bici, per il borsello ho pensato subito di farmelo io. Con calma. Quest'anno.
L'idea per questo borsello è molto semplice: ho copiato quello che aveva la bici.

Materiale.
Stoffa un po' resistente, oppure jeans e maglietta come ho fatto io
ago, filo e macchina da cucire
una cerniera di circa 20 cm
una striscia di velcro da dividere in tre, per un totale di 18 cm
circa 23 cm di sbiechino


Procedimento.
Se avete già un borsello, prendetegli tutte le misure, altrimenti seguite me. Per il borsello servono due triangoli di 15 x 31 x 31,5 cm, una striscia di 77 x 5 cm, sei striscioline di 9 x 2 cm. A tutte queste misure aggiungete 1 o 2 cm di margine di cucitura: più la stoffa tende a sfilacciarsi, più grande dovrà essere il margine di cucitura. Io ho usato per l'interno un pezzo di jeans, per la parte esterna, visibile, una vecchia canottiera, perché è del colore della mia bici; se non fosse stato per questo, o se avessi comprato la stoffa, avrei scelto un cotone normale, invece ho usato una stoffa elasticizzata, in maglina, che non è comodissima da cucire, ma è proprio del colore giusto.

Cliccate per ingrandire e vedere il segno del gessetto.

Il jeans era un vecchio pantaloncino, che ho prima scucito completamente, poi ci ho disegnato sopra il triangolo che ha la punta d'incontro dei due lati lunghi arrotondata: io l'ho disegnata mettendo il vecchio borsello sopra il jeans al rovescio, e le misure dei due lati lunghi sono approssimative, perché in realtà avrei dovuto misurarli assieme e non separatamente: dove è la separazione infatti? Nel borsello c'era una cucitura, ma spostata rispetto al centro della punta arrotondata, quindi approssimativamente un lato è lungo 31 cm mentre l'altro è lungo 31,5 cm, per un totale di 62,5 cm (??). Fate voi disegnando a occhio, se volete, l'importante è che tutto segua le misure che avete scelto, anche l'eventuale fodera (se voi preferite l'esterno in jeans e l'interno in una bella stoffa colorata).


Dopo aver tagliato i due triangoli di jeans con margine di cucitura di 1 cm, li ho poggiati sulla canottiera al rovescio in doppio, ho fermato tutto con gli spilli, ho disegnato il contorno del triangolo, poi ho tagliato lungo i bordi*.
Ho accoppiato un triangolo jeans con un triangolo maglina, rovescio contro rovescio, fissandoli con gli spilli e poi imbastendo lungo il margine di cucitura. Da questo momento in poi il rovescio del mio borsello è la parte in jeans, il dritto è la parte in maglina.


Sul rovescio ho disegnato una riga per il taglio della cerniera: a 5 cm dal lato dritto e a 8 cm dalla punta del triangolo, a 1 cm dal lato lungo in alto. Il mio borsello si appende alla bici con la punta verso il manubrio e con la cerniera a destra: se siete mancini fate la cerniera a sinistra del borsello, ma la punta del borsello deve stare comunque verso il manubrio, dove c'è meno spazio: infatti è il tubo della mountain bike a determinare la forma a triangolo del borsello.
Dopo aver disegnato la riga che sarà la fessura per la cerniera, ho imbastito tutto intorno a una distanza di un millimetro, per fissare le due stoffe e poter tagliare la fessura precisamente. Con lo scucitore ho fatto un buchino di 1 cm di lunghezza lungo la riga disegnata, dalla parte del jeans, che regge meglio l'impatto; ho proseguito a tagliare lungo la riga della fessura, dalla parte del jeans, usando le forbici. Un unico taglio.


Ho usato un pezzo di sbiechino di poco più lungo della fessura, e l'ho diviso esattamente a metà. Lo sbiechino ha sul suo rovescio due pieghette, che sono quelle che vanno cucite alla stoffa: le ho aperte, ho poggiato lo sbiechino sulla stoffa, dritto contro dritto, con la pieghetta verso la fessura e ho fissato con gli spilli proprio sul segno della pieghetta.


Alle estremità della fessura ho messo gli spilli in verticale per indicare la fine della fessura: con la cucitura non bisogna andare oltre questo segno, altrimenti non si riesce a voltare lo sbiechino verso l'interno del borsello.


Ho imbastito, poi cucito a macchina e rifinito a zigzag.



Ho piegato lo sbiechino verso l'interno, fermato con gli spilli e imbastito sistemandolo al meglio agli angoli della fessura: ho piegato prima l'estremità dello sbiechino su sé stesso, poi lo sbiechino sulla fessura . Dopo ho attaccato la cerniera.


La comodità di questa fessura è che la stoffa va semplicemente appoggiata sulla cerniera, facendo affacciare i dentini della cerniera dalla fessura, come un sorriso. Il cursore della cerniera chiusa deve trovarsi verso la punta del borsello, e per fissare la cerniera (prima con gli spilli, poi con ago e filo da imbastire, infine con la macchina da cucire) potete aprire e chiudere la cerniera man mano, per facilitarvi il lavoro. Quando cucite tenetevi a qualche millimentro dai dentini della cerniera, altrimenti il cursore non scorre più; aprirla e chiuderla aiuta anche a non cucire troppo in avanti.


Ho fatto due cuciture a macchina: una lungo l'imbastitura, per fissare la cerniera allo sbiechino; l'altra sul rovescio, seguendo il bordo della cerniera: è brutta e non è necessaria, quindi potete non fare questa seconda cucitura. Oppure scegliete un filo dello stesso colore della stoffa, così si vede meno. Io ho constatato che in ogni mio lavoro, seppur preciso, devo fare una minchiata, sennò non son contenta.



Prima di unire i due triangoli fra loro tramite la striscia di stoffa lunga circa 77 cm che fa da spessore al borsello, bisogna attaccare il velcro che servirà ad agganciare il borsello alla bici: due strisce in alto, sul lato lungo dove c'è anche la cerniera, e una sul lato corto del borsello. Queste tre strisce si troveranno anche sull'altro triangolo: sul davanti il velcro femmina, sul dietro il maschio o viceversa.


Sul lato lungo, il velcro va attaccato a 5 cm dal bordo dritto e a 8 cm dalla punta (come la cerniera). Sul lato corto a 7 cm dall'alto. Il velcro è largo circa 2 cm e io mi sono basata sulla sua misura per tagliare la stoffa.


Ho tagliato la striscia di velcro in tre pezzi lunghi 9 cm (1). Ho disegnato sul jeans sei rettangoli 2 x 9 cm (2). Ho tagliato sei rettangoli di maglina di 1 cm più grandi del rettangolo di jeans (3). Ho imbastito tre lati della maglina sul jeans (dritto del jeans contro rovescio della maglina), lasciando uno dei lati corti libero: questo andrà cucito al borsello (4). Prima ho passato a macchina queste cuciture (5), poi ho fissato il velcro alla striscia di stoffa, rovescio contro rovescio e imbastito, e poi cucito a macchina, anche questo (6).


Sul triangolo davanti, cioè quello con la cerniera, ho attaccato le tre strisce col velcro maschio, cioè quello ruvido, stoffa contro stoffa, quindi col velcro girato verso di me. Ho fissato con gli spilli, e imbastito, infine cucito a macchina.



Stessa trafila di cuciture sul triangolo dietro, dove ho attaccato le strisce col velcro femmina, cioè quello morbido, unica differenza: il velcro deve essere rivolto verso la stoffa.


*Ho cucito (a mano e a macchina), rovescio contro rovescio, la striscia di jeans alla striscia di maglina, per i lati del borsello, prima di attaccarla al borsello. La striscia va cucita al borsello dritto contro dritto (cioè maglina contro maglina): le mie cuciture, dentro il borsello, si vedono, perché col jeans non intendevo fare una fodera, ma solo rinforzare la maglina. Se voi volete una fodera dovete cucire due borselli: uno di jeans e uno di stoffa, e poi rivoltare la fodera al rovescio e inserirla nel borsello. Agli angoli del lato corto, e sulla punta del borsello, fate dei taglietti lungo il margine in modo da agevolare l'angolazione. Quando incontrate le strisce col velcro state attente a non impigliarle nella cucitura, se si intromettono come facevano le mie, fissatele con gli spilli sul dritto, in modo che solo l'estremità già cucita a macchina venga fissata ancora con la cucitura della striscia laterale del borsello.


Borsello al rovescio (se cucite il jeans come fodera e scegliete una cerniera apposita, avrete un borsello double face).


Borsello al dritto, con le strisce di velcro perfettamente funzionanti.


Per chiuderle: portare in avanti il velcro morbido e attaccarci sopra il velcro ruvido.



Io ho deciso di complicarmi il lavoro ripassando a macchina la cucitura dei fianchi del borsello, per fermarli meglio. A borsello finito (prima non c'è nessuna cucitura da ripassare) non è così semplice, bisogna entrare dentro il borsello con la macchina da cucire, tenere con le mani l'apertura aperta, stare attente a non prendere sotto l'ago altre parti del borsello (le solite strisce di feltro, ma non solo). Con fatica, ma ce l'ho fatta.



Al velcro morbido sul lato corto del borsello ho attaccato la mia etichetta, in modo che rimanga nascosta quando il borsello è agganciato alla bici.




Ps: in questo post ho scritto più spesso “sbieghino” o “spichino” che “sbiechino”.







Bene, ora posso approfittare di ogni mezza giornata di sole per fare un giro in bici con i fazzoletti, il burrocacao e la macchina fotografica a portata di mano.

La mia borsa portapacchi tedesca...
...abbinata al mio nuovo borsello fatto a mano.

La mia bici l'anno scorso, senza borsa e col vecchio borsello.

26 commenti:

  1. Sembra facile da come hai descritto il tutto sul post. ma sappi che io, sono assolutamente incapace perfino di tenere ago e filo in mano. Sono imbranatissima. Per cui, lodi, lodi, lodi alla tua bravura. Un abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, ma tutto si può imparare. Certo, poi bisogna avere anche voglia di fare, e io a volte sono pigra ;)
      Buona giornata a te.

      Elimina
  2. Confermo che non sei una schiappa in bici, anzi, in alcune occasioni hai dato del del filo da torcere al sottoscritto. Del resto, con il filo sei una vera maga, e questo borsello lo dimostra ... non era per niente facile. Ora non ci resta che viaggiare, sperando esca il sole per almeno tre mesi filati ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macchè filo da torcere! Ago e filo, forse, ma non in bici ;)
      Ecco, vedo uscire il sole!

      Elimina
  3. Bravissima, l'unica preoccupazione riguarda l'impermeabilità del borsello in caso di pioggia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm... ecco perché quello vecchio era di quella plastica così brutta... Spero di non trovarmi fuori in bici con la pioggia, ma se succederà: ficcherò il nuovo borsello dentro la borsa porta pacchi, ecco ;)

      Elimina
  4. Bellissima l'idea di prendere spunto dal vecchio modello, è un procedimento intelligente che bisogna sempre ricordare. Il risultato è ottimo! Grazie per le spiegazioni che a me piace sempre guardare con interesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia. Per fortuna non mi sono lasciata spaventare dalla sporcizia che si era accumulata sul vecchio borsello!

      Elimina
  5. Geniale, grandiosa, sei bravissima anche con ago, filo e macchina da cucire, complimenti!
    Hai fatto un bel lavoro ed un bellissimo tutorial, mi piace com'è venuto il borsello da bici, bravissima per tutto!
    Un bacione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry! Con ago e filo ho un po' più di esperienza ;)

      Elimina
  6. Io avrei tanta stoffa da riciclare, per non parlare dei jeans .. ssshhhn non dirlo a nessuno, ma ho messo su quasi due taglie ultimamente, e non sai quanto mi piacerebbe dargli nuova vita con queste creazioni.
    Non è che potresti venire da me una settimanina? :D Ti ospito molto volentieri.
    Felice notte.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah tu cucini e io cucio? Affare fatto!
      Pensa che mi vengono regalati vecchi jeans o altro (compreso questo), e poi quando li trasformo la reazione è "ecco, se fosse stato così me lo sarei tenuto" ;)

      Elimina
  7. Sei bravissima, io non sono capace neanche di attaccare un bottone, qualche anno fa però non ero in grado neanche di cucinate una frittata è ora riesco persino a fare i croissants!
    Si può sempre imparare!
    Un bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, si può sempre imparare. Ho iniziato a cucinare proprio con questo pensiero: "ho imparato tante cose, vuoi che non impari anche a cucinare?" ...è che cucinare mi piace (mi piaceva?) meno ;)
      Buona giornata.

      Elimina
  8. Risposte
    1. Utile, economico ed ecologico? Sì, credo proprio di sì :D

      Elimina
  9. Hai una manualità e una bravura che mi lascia a bocca aperta Elle, bravissima, ti faccio i miei migliori e più sinceri complimenti:)) io adoro cucinare e metto l'anima quando sto ai fornelli ma..il cucito non è proprio il mio
    forte...sono decisamente una schiappa:(
    un bacione e ancora tantissimi complimenti, hai le mani d'oro:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io imparo or ora a cucinare, ma col cucito mi diletto ormai da tanti anni. Però finisco per fare lavoretti piccoli come questo...
      Grazie cara Rosy, un abbraccio :)

      Elimina
  10. Che brava! Mi piace tantissimo il colore, e le rifiniture lo fanno sembrare appena uscito sa un negozio. Hai proprio le manine d'oro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Il colore doveva essere assolutamente uguale alla bici, ma è bello anche di suo.

      Elimina
  11. No ma sei un GENIO! Veramente idea TOP e....lavoro da professionista a GO GO! Brava brava brava e bravissima! TOMO' (come si dice dalle mie parti) :-) :-)
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomo'? ahahah! Grazissime Irene, divento del colore del borsello, se mi fai tutti questi complimenti ;)

      Elimina
  12. Sei bravissima...magari avere la tua stessa manualità con il taglio e cucito! Questo marsupio da bici sarebbe utilissimo anche a me..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consuelo :) Cambiano i gesti rispetto all'impastare, però non è difficile cucire: tutto sta nell'iniziare (te lo dico io che ho appena iniziato a cucinare!).

      Elimina
  13. A me, che ho la fobia della macchina da cucire, comprata più di due anni fa e mai provata (non so se te l'ho già detto) sembra un'impresa titanica!!!
    Sei stata bravissima!
    Potresti farne anche uno impermeabile, magari riciclando una tovaglia cerata o di plastica...o altro.
    Dani

    RispondiElimina
  14. Fobia? Noo povera macchina da cucire!
    Se fra due anni ancora non hai trovato il coraggio, vendimela, che la mia sta perdendo colpi ;)
    Per la versione impermeabile avrei una tenda da doccia ihih.
    Ciao Dani!

    RispondiElimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...