sabato 24 dicembre 2016

Giorno 24: un segnalibro, un libro e un'intervista.

Il regalo di oggi del calendario dell'avvento quizzoso è un tostapane. Capite bene che non c'è da farci un post. Però posso fare una sorpresa a tutti quelli che (ancora) non seguono Clelia Tarantino e la sua Intervista col creativo, e che quindi non sanno che ha intervistato anche me, né hanno letto l'intervista completa. Come ultima cosa Clelia mi ha chiesto di consigliare un libro da leggere e da regalare e di spiegare sia come incartarlo che come creare un segnalibro dei miei.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

A me piace regalare libri che ho letto personalmente e che mi sono piaciuti, ma non disdegno di regalare libri che non mi sono piaciuti, se so che rientrano nei gusti del destinatario. Cerco di regalare libri più spesso possibile, anche se purtroppo non sempre ho potuto permettermelo e mi è capitato anzi di poter regalare solo il biglietto di auguri, o il segnalibro; se sono costante però scelgo i libri da regalare fra gli ultimi letti, e quest'anno, il più bello fra tutti i libri letti è Il mondo di Sofia di Jostein Gaarder, che io avevo comprato a Berlino su consiglio delle mie colleghe, e che ho letto in tedesco, e che in italiano è uscito per Longanesi nella traduzione di Margherita Podestà Heir.

I consigli libreschi di Elle lo Spirito.

Materiale per un segnalibro ricamato.
Cartoncino 5x18 cm bianco o colorato (colore da abbinare ai colori del ricamo)
disegno di un fiore o altro disegno carino, fatto a mano libera o ritagliato da una rivista
pennarello e un pezzo di cartone da imballaggio un po' più grande del segnalibro
graffette, ago grosso o compasso o punteruolo
ago e filo da ricamo dei colori prescelti (almeno tre colori)
carta colorata, anche riciclata, nastro adesivo di carta, colla stick
un nastrino e un bottoncino per decorare il segnalibro

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Il sottotitolo, Romanzo sulla storia della filosofia, può spaventare, ma vi assicuro che è un bellissimo romanzo che si divora in pochi giorni anche se ha tante pagine (come piace a me), perché è un romanzo per ragazzi. La stessa protagonista, Sofia, è una ragazzina, ha una vita del tutto normale, ma un bel giorno trova strani messaggi nella cassetta delle lettere, e sono indirizzati proprio a lei, e come se non bastasse trova anche strane cartoline di auguri indirizzate a un'altra ragazzina, presso il suo indirizzo, e questo nonostante Sofia non l'abbia mai sentita nominare. Inizialmente le dispiace che questa Hilde non riceverà i suoi auguri di compleanno, e allo stesso tempo è spaventata dalle somiglianze con lei, poi però si incuriosisce e vuole saperne di più.

Come fare un segnalibro di carta ricamato.
Disegnare un fiore, o ritagliarlo da una rivista della dimensione del segnalibro (5x18 cm), segnare con il pennarello tanti puntini lungo il perimetro del disegno, a circa 0,5 cm l'uno dall'altro: è meglio che il fiore sia molto semplice e stilizzato. Fissare con le graffette il cartoncino colorato sul cartone da imballaggio e il disegno del fiore sul cartoncino, facendo combaciare i bordi del disegno con quelli del segnalibro. Con un punteruolo fare un buco in ogni puntino disegnato col pennarello, fino a bucare anche il cartone da imballaggio.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Il mistero di questa Hilde si accompagna al mistero degli altri messaggi, perché questi, per lo più domande difficili sulla vita e sull'esistenza alle quali Sofia cerca di rispondere, si accompagnano a buste contenenti interi plichi: si tratta di un corso di filosofia per corrispondenza, e il mittente è uno sconosciuto. Il filosofo alimenta la sete di conoscenza di Sofia alternando inizialmente domande a informazioni, poi inviando il solo corso a puntate, quando gli è chiaro che Sofia è fortemente interessata a proseguire quelle lezioni anomale. Sofia è fortemente interessata anche a scoprire chi è il filosofo misterioso, e decide di non raccontare nulla a sua madre e di tenere nascosto il libro di filosofia a fascicoli che pian piano sta costruendo. Quanto ho desiderato ricevere anche io un corso di filosofia e di conservarlo in un raccoglitore ad anelli apposito, magari fatto da me! Il libro è del 1991, in alcune scuole viene proposto come lettura, ma io non ne avevo mai sentito parlare fino all'anno scorso; eppure mi sono sentita da meno di Sofia solo quando mi venivano i dubbi sulla serietà del filosofo: un vecchio che manda un corso di filosofia a una ragazzina, cosa c'è dietro? Perché Sofia si fida ciecamente? Sono la solita diffidente.

Come fare il ricamo sul segnalibro di carta.
Iniziate infilando il filo dal retro del segnalibro, nel buco al centro del fiore, fissate sul retro il filo con un po' di nastro di carta, ma lontano dai buchi; ricamate una raggiera al centro del fiore infilando il filo da ricamo in ogni buco del contorno, dal davanti verso il dietro, e uscendo ogni volta di nuovo dal buco al centro del fiore; fate lo stesso per ogni petalo, usando un filo di altro colore, scegliete un buco da considerare centro, e partite da lì per riempire a ventaglio tutto il petalo. Con il terzo colore ricamate il gambo e la foglia con una specie di punto erba o punto scritto. Se volete, potete incollare dentro la foglia due ritagli di carta, per colorarla anche all'interno. Ogni volta che cambiate il filo, fissatelo sul retro con il nastro di carta, così non dovete fare antiestetici nodi.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Man mano che leggevo però tutti i dubbi hanno trovato risposta: dal punto di vista narrativo c'è dietro una trovata geniale, una storia nella storia che davvero lega Sofia al filosofo misterioso e Hilde a Sofia e spiega tutto. Le lezioni di filosofia, vere lezioni di filosofia che noi lettori voraci non possiamo che apprezzare, esattamente come fa Sofia, sono infatti collegate fra loro da eventi molto più misteriosi di un filosofo che c'è e non c'è: Sofia trova oggetti di Hilde a casa sua, e cartoline identiche a quelle già ricevute, anche queste indirizzate a Hilde, uno specchio magico in un capanno disabitato, e altri fatti inspiegabili, che contrastano con gli insegnamenti filosofici – o forse no? È però decisa a incontrare il filosofo misterioso, e alla fine ci riesce; assieme analizzano un ulteriore elemento di mistero: noi personaggi di questa storia siamo reali o esistiamo solo nella fantasia dell'autore? Io ve lo dico, a questo punto mi sono sciolta come un ghiacciolo, sono affogata nel brodo di giuggiole: vorrei saper scrivere io storie così, ho pensato.

Come decorare e abbellire il segnalibro.
Finito il ricamo cucite un bottoncino sull'estremità superiore del segnalibro, uno piccolo che non rovini il libro quando ci infilate il segnalibro. Il bottoncino potete anche incollarlo, ma è più carino col filo in bella vista. Sul retro incollate al centro, dietro il bottone, un nastrino colorato: incollate circa tre cm di entrambe le estremità in modo che non si stacchi sul più bello. Ora coprite i fili del ricamo, il nastro adesivo e i lembi del nastrino incollando con la colla stick un foglio di carta colorata, anche riciclata, di colori abbinati a quelli del ricamo, e ritagliatelo della misura del segnalibro solo dopo averlo incollato. Direi che il vostro segnalibro ricamato è pronto.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Segnalibro con ricamo di Elle lo Spirito.

Naturalmente non vi dico come si conclude il romanzo filosofico, vi dico solo che ho sottolineato molti passaggi interessanti, e mi sono consolata nello scoprire che certi pensieri che facevo io a quindici anni li fa anche Sofia, quindi forse è normale avere certi dubbi esistenziali. Forse è anche normale scrivere a quarant'anni (e non prima) un romanzo che ha come protagonista una quindicenne e i suoi dubbi.

I consigli libreschi di Elle lo Spirito.

Per incartare il libro ho usato pagine di una rivista trovata sul treno, che ho unito fra loro con il nastro adesivo. Poi ho incartato normalmente come si fa con la carta da regalo vera e propria.

I consigli libreschi di Elle lo Spirito.

A seconda del disegno scelto come davanti, si può scegliere un nastrino di diverso colore.

I consigli libreschi di Elle lo Spirito.

Ps. se volete conoscere la risposta alle altre domande cliccate su >Intervista col creativo! Oggi si chiacchiera con lo Spirito! Oggi conosciamo Elle.

Qui vi auguro tante ottime letture nel 2017, così belle che divorerete il libro e non avrete bisogno di un segnalibro, ricamato su carta o acquerellato che sia. Ma se proprio vi servirà ora vi ho spiegato come li faccio, potete provare anche voi. Se insistete con la storia che non siete capaci vi faccio pure un video, non provocatemi.

Ah sì la domanda di oggi era: Si tira dopo aver cagato. Lo sciacquone, naturalmente. Bene...

***Il calendario dell'avvento quizzoso si conclude qui, buone feste, ci vediamo a fine anno!***

20 commenti:

  1. Veramente bello hai una manualità e fantasia super.
    Buon Natale a te e famiglia. ciaooo

    RispondiElimina
  2. Mi piace tutto! Il segnalibro davvero originale, la confezione riciclosa e anche il libro, che mi segno per le mie prossime letture! Buone feste, anche se so che non ami i festeggiamenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Festeggiato il minimo indispensabile, stasera si sta a casina, domani pronti per il nuovo anno ;)
      Grazie Daria, buon 2017 a te!

      Elimina
  3. Sì, bellissimo tutto, il libro l'ho letto tanti anni fa e ricordo che mi era piaciuto molto. Anch'io voglio un segnalibro così!
    Auguri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti ho mai regalato il mio famoso segnalibro? Sacrilegio! Un motivo in più per fare di tutto per vederci... il 2016 è l'unico anno in cui non ci siamo incontrate, da quando ci conosciamo!!
      Buon 2017 Silvia :)

      Elimina
  4. Piccola ingegnosa creatura...Buon Natale! Un abbraccio Elle <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) grazie Mary, un abbraccio a te, e buon 2017!

      Elimina
  5. Bello il segnalibro, il libro e te! Buone feste Elle cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri, buon proseguimento a te, e buon ingresso nel 2017 :)

      Elimina
  6. Cara Elle come ti scrissi in un commento precedente, lessi questo libro all'età di sedici anni:poco più di vent'anni fa...mi colpì tantissimo e avendolo conservato lo voglio rileggere non appena possibile..molto più di un romanzo,più coinvolgente di un trattato di filosofia,bellissimo!
    Il segnalibro che hai realizzato e' in vero capolavoro:hai una manualità notevole e degna di ammirazione,bravissima:))).
    Un bacione e rinnovo i miei migliori auguri di buone feste a te e famiglia:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, il libro è davvero bello, ma grazie soprattutto per i complimenti al segnalibro, che è merito mio ;)
      Buone feste anche a te, a presto!

      Elimina
  7. Bella l'intervista, bello il segnalibro (non posso dire nulla del libro, ma mi fido...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fidati, fidati, è bello anche il libro ;)

      Elimina
  8. Cara Elle grazie ancora. .per la bellissima intervista che mi hai ragalato e anche per questo consiglio di lettura che mi ha davvero incuriosito...insomma grazie di tutto! Sei stata un'ospite eccezionale ☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che emozione, grazie Clelia :) Il libro è bellissimo, se lo leggerai fammi sapere, intanto buon 2017 di letture, scritture e creatività!

      Elimina
  9. Grazie per il tuo calendario dell'Avvento,sono stata in piacevole compagnia.
    Buon Anno Elle. Buon Anno Alligatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, per gli auguri e per la compagnia. Buon 2017 anche a te e famiglia :)

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...