mercoledì 17 maggio 2017

Porta tovaglioli di carta e stoffa.

Prima di andarmene in vacanza volevo completare i tutorial per il set di tovagliette per la colazione con portatovagliolo: le tovagliette ve le ho mostrate passo passo la volta scorsa, oggi tocca ai porta tovaglioli. Come ripeto ormai da tempo sono diventata vegetariana e questo comporta maggior consumo di verdure e di legumi, che favoriscono l'evacuazione intestinale e permettono di consumare più carta igienica. Più carta igienica finita significa più rotoli a disposizione per le creazioni per la casa, non è fantastico? Se anche voi volete fare un set per due o più persone, procuratevi anche bottoni di diversi colori così da poter distinguere i porta tovaglioli (come le tovagliette), senza finire a litigare per nulla.

Porta tovaglioli di carta e stoffa fai da te.

Materiale per due porta tovaglioli.
1 rotolo di carta igienica finito
metro, matita, taglierina
2 stoffe diverse, forbici da sarta
bottoni come decorazione, di due diversi colori
ago non troppo sottile
filo in tinta
macchina da cucire
spilli e graffette da ufficio

Procedimento.
Misurate il rotolo, segnate la metà e continuate lungo tutta la circonferenza. Tagliate lungo la linea disegnata e avrete così due porta tovaglioli da rivestire.

Porta tovaglioli: misurare il rotolo.
Misurate il rotolo.

Porta tovaglioli: segnare la metà.
Segnate la metà.

Porta tovaglioli: segnare la circonferenza.
Segnate tutta la circonferenza.

Porta tovaglioli: tagliare lungo la linea.
Tagliate lungo la linea.

Poggiate i due rotolini sulla stoffa, uniti, e lasciate a destra e a sinistra almeno 2 cm di margine di cucitura, questa sarà l'altezza della stoffa. Misurate anche la circonferenza dei rotolini: i miei misuravano 15 cm, ma non tutti i rotoli sono uguali; a tal proposito specifico che ci sono alcuni rotoli che hanno delle scritte (poco male, li dobbiamo rivestire), e altri che sono di un cartoncino troppo sottile e leggero: questi potrebbero creare dei problemi al momento di cucire il rivestimento.

Porta tovaglioli: altezza della stoffa.
Segnate l'altezza della stoffa.

Porta tovaglioli: misurare la circonferenza.
Misurate la circonferenza.

Disegnate sulla stoffa un rettangolo alto come il rotolo di carta igienica + 4 cm (per me altezza totale 14 cm) e largo quanto la circonferenza + 4 cm (per me larghezza totale 19 cm), ritagliatelo e disegnate anche il secondo rettangolo uguale e identico a questo, e ritagliate anche questo.
Tagliate anche due strisce della seconda stoffa, alte circa 4 cm + 2 cm di margine di cucitura (se la stoffa non si sfilaccia, questo margine non è necessario) e larghe quanto la circonferenza del rotolo + 2 cm (per quindi 17 cm). Dopo aver piegato in sotto i margini di cucitura, questa striscia va fermata con gli spilli al centro del rettangolo principale, poi cucita a mano e a macchina. Se la stoffa principale si sfilaccia cucite a macchina anche uno zigzag attorno al rettangolo. Io ho usato la cucitura a zigzag anche per cucire la striscia lilla alla stoffa principale.

Porta tovaglioli: striscia decorativa al centro.
La striscia decorativa va cucita al centro della stoffa.

Attaccate al centro della striscia un bottone decorativo. Tenendo il rettangolo in modo che la striscia risulti in orizzontale, piegate verso l'interno uno dei bordi laterali e imbastitelo.

Porta tovaglioli: bottone decorativo.
Il bottone decorativo va cucito al centro della striscia.

Poggiate un rettangolo di stoffa su un rotolino, con il decoro verso l'esterno. Il rotolino deve stare al centro della stoffa. Piegate un lembo di stoffa verso l'interno e fissatelo con una graffetta da ufficio al rotolino. Io ne ho usate quattro in tutto.

Porta tovaglioli: poggiare la stoffa sul rotolo e piegarla...
Piegate e fissate la stoffa.

Porta tovaglioli: fissare la piega.
Fissate la stoffa al rotolo con le graffette.

Cucite la stoffa al rotolo di carta a partire dall'apertura della stoffa (in foto si vede il bordo laterale imbastito) e proseguite lungo tutto il bordo superiore, con punti equidistanti (a occhio): l'ago entrerà facilmente nella carta. Importante è che togliate le graffette prima di passare con l'ago a mano a mano che le raggiungete.

Porta tovaglioli: cucitura a mano.
Partite dall'apertura.

Porta tovaglioli: cucitura a mano.
Pungete stoffa e carta assieme.

Porta tovaglioli: cucitura a mano.
Cucite lungo tutto il bordo.

A fine giro proseguite la cucitura all'interno del rotolo, lungo i margini destro e sinistro della stoffa che qui si sovrappongono. Ingegnatevi per far passare l'ago da sopra a sotto dentro il rotolo nei punti critici a fine giro: io ho cucito dall'interno per non perdere la posizione che avevo dato alla stoffa, praticamente il rivestimento gliel'ho cucito addosso.

Porta tovaglioli: cucitura interna.
Cucite la stoffa all'interno del rotolo.

Porta tovaglioli: cucitura interna.
Cucite come meglio potete con le ditina dentro il rotolo.

Finito il giro fissate al rotolo il lembo di stoffa che si trova all'interno, senza prendere la stoffa esterna, così che questo punto di fissaggio rimanga nascosto. Togliete l'imbastitura nei punti che risulteranno coperti dall'altro lembo di stoffa (il prossimo da cucire).

Porta tovaglioli: fissare la cucitura.
Fissate la cucitura alla carta.

Porta tovaglioli: togliere la prima imbastitura.
Togliete l'imbastitura.

Si parte sempre dall'apertura del rettangolo e si fissa al rotolo con un bel punto. Si tira bene la stoffa, si posiziona perfettamente e si fissa con le graffette.

Porta tovaglioli: cucire l'altro bordo.
Cucite l'altro bordo partendo dall'apertura.

Porta tovaglioli: tirare la stoffa.
Tirate bene la stoffa.

Porta tovaglioli: posizionare la stoffa attorno al rotolo.
Posizionate il rivestimento.

Iniziate a cucire l'apertura, poi proseguite lungo l'altro bordo del portatovagliolo, esattamente come prima. Finito il giro togliete l'imbastitura.

Porta tovaglioli: chiudere l'apertura.
Mettete le graffette e chiudete l'apertura.

Porta tovaglioli: chiudere l'apertura.
Cucite l'apertura.

Porta tovaglioli: togliere l'imbastitura.
Scucite l'imbastitura.

Ingegnatevi di nuovo per cucire l'interno, lungo il margine del rettangolo che segue la circonferenza (interna) del rotolo. Ripetete tutto d'accapo col secondo porta tovagliolo.

Porta tovaglioli: cucire il perimetro interno.
Sovrapponete i due margini e cuciteli all'interno del porta tovagliolo.

Porta tovaglioli: cucitura interna.
Cucitura interna quasi invisibile.

Ecco pronti i vostri portatovaglioli fatti a mano e il set completo di tovagliette per la colazione.

Porta tovaglioli di carta e stoffa fai da te.
Coppia di porta tovaglioli fatti a mano con amore.

Porta tovaglioli e tovaglietta per la colazione.
Sta bene anche con un tovagliolo di carta da cucina.

Set di tovagliette con portatovaglioli fatto a mano.
Set completo di due tovagliette per la colazione e due porta tovaglioli fatti a mano.

7 commenti:

  1. Wow, questo si che è impegno e lavoro! Il risultato poi premia lo sforzo. Piacerebbe anche a me fare una cosa del genere ma ammesso che riesca a trovare il tempo (purtroppo non sono organizzata come te anche se mi piacerebbe), siccome non una macchina da cucire pensavo di usare della carta colorata e incollarla, devo solo capire cosa fare con i bordi... hm...
    Complimenti per l'idea e la creazione!
    Cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la carta li avevo fatti anche io, la prima volta. Non sono male, l'unico problema è che potrebbero bagnarsi, visto l'uso che se ne fa, e rovinarsi. Io l'avevo rivestita di nastro adesivo trasparente, per impermeabiizzare, ma non mi era uscito un bel lavoro. Trovi la foto qui (sono quelli arancioni, ma i capisce che sono loro).

      Elimina
  2. Carissima Elle trovo che sei davvero geniale!!!!Hai una fantasia che mi lascia sempre a bocca aperta e una manualità incredibile in quanto sei bravissima e troppo portata per il cucito e questo ti aiuta a realizzare le più svariate creazioni e sempre in modo perfetto come nel caso di questi originali porta tovaglioli per la realizzazione dei quali hai fornito,nel dettaglio,tutte le indicazioni!:).
    Grazie mille per la condivisione e i miei migliori e più sinceri complimenti!!!:)).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', cucire mi piace molto, sono solo un po' pigra, accumulo stoffe e poi non ci faccio nulla. Poi mi capita la creazione che mi conquista, come le tovagliette con porta tovaglioli, e la ripeto più volte, per regalarla, così alla fine divento "esperta" e le faccio anche ad occhi chiusi (esagero, ma ci siamo capite).
      Grazie a te, cara Rosy, buona giornata!

      Elimina
  3. Che carini! Un lavoro molto preciso, complimenti.
    Io mi sto cimentando nella realizzazione di una maglietta, me ne hanno regalata una gigante, mi piace e non voglio usarla per dormire. Per ora ho preso le misure, ho tagliato e imbastito. Ora c'è la parte più difficile: devo cucire. Con la macchina da cucire sono una schiappa, penso che farò a mano (e finirò tra mesi!). Tu cosa mi condigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' di solito le magliette sono in tessuto elasticizzato e se hai una macchina da cucire normale, schiappa o no, non viene un bel lavoro... Fare a mano non è una cattiva idea, anche io lo faccio sia quando non ho voglia di tirar fuori la macchina da cucire, sia quando la macchina fa i capricci. Basta che tiri la stoffa man mano, in modo che la cucitura non sia troppo stretta altrimenti si rompe quando ti infili la maglietta, e anziché andare dritta torni indietro ad ogni punto, così non hai buchi tra un punto e l'altro (diversamente da come si fa con l'imbastitura che va sempre dritto). Se non è chiaro: se cerchi "punti a mano - punto indietro" su internet trovi diverse foto abbastanza chiare :)

      Elimina
    2. Ma tu sai ricamare, quindi avrai capito benissimo ;)

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...